Contenuto sponsorizzato

Evacuate le scuole steineriane di via Conci a Trento. Principio d'incendio

Un esperimento di chimica andato storto, alunni evacuati per sicurezza. Il fuoco spento con un estintore, sul posto i Vigli del fuoco

Pubblicato il - 01 dicembre 2016 - 10:12

TRENTO. Tutto risolto, ma la paura è stata grande. Questa mattina, alle scuole steineriane di via Conci, l'allarme antincendio ha iniziato a urlare e tutti gli alunni hanno evacuato l'edificio.

 

Tutta colpa di un esperimento di chimica andato storto. Studenti e insegnante erano alle prese con una provetta quando chissà per quale motivo ha preso fuoco. Le fiamme hanno  incendiando un telo lì vicino e i tentativi di circoscrivere l'incendio sembravano all'inizio difficoltosi.

 

Poi, messa in salvo la classe, un insegnante è intervenuto con un estintore a polvere risolvendo la situazione. Le fiamme, e soprattutto il fumo, hanno attivato i sensori che hanno azionato l'allarme generale di evacuazione, allertando anche i Vigili del fuoco.

Tutti gli alunni sono quindi usciti dall'edificio ordinatamente, nello stesso modo in cui pochi giorni fa avevano fatto durante una simulazione. Non è infatti passato molto tempo dalle esercitazioni antincendio che hanno coinvolto la scuola steineriana, una lezione tornata utile oggi nel momento in cui studenti e insegnanti hanno sentito urlare le sirene di allarme.

 

Sul posto sono poi intervenute tre mezzi dei Vigili del fuoco per verificare la situazione e sincerarsi che l'incendio fosse del tutto spento

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 13:50

Bocciato uno dei provvedimenti bandiera della Giunta Fugatti, il tribunale condanna Pat e Comune di Trento a disapplicale la norma sulle case Itea. Gli avvocati: “Per il Trentino è un primo passo molto importante per rimuovere le norme introdotte dalla Provincia negli ultimi anni in materia di welfare che hanno determinato effetti gravissimi di esclusione in danno degli stranieri”

29 settembre - 13:19

La rabbia dello studente che è stato sanzionato: "Prima si incentiva la micro-mobilità e si spingono i giovani ad investire in un futuro più sostenibile, ma poi si multa uno studente per l’utilizzo di un mezzo elettrico per spostamenti in città". Lo skateboard è stato parificato ad un ciclomotore e il ragazzo è stato multato per mancanza di targa, libretto di circolazione, assicurazione, mancato uso di casco e conduzione sul marciapiede

29 settembre - 12:45

Paolo Zanollo, delegato del Wwf per il Garda e sub: "In appena 200 metri di spiaggia ne abbiamo raccolte ben 30”. Rifiuti trovati anche nei canneti, preziosi ecosistemi di filtro naturale nel lago

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato