Contenuto sponsorizzato

Schützen "Stiamo pensando a delle manifestazioni in occasione dell'Adunata 2018"

Primon "Una contro manifestazione potrebbe essere fatta prima". Dalprà "Abbiamo in animo di promuovere delle azioni per l'occasione"

Di Giuseppe Fin - 28 novembre 2016 - 09:39

TRENTO. "Si sentono dei prepotenti, l'adunata a Trento del 2018 è una provocazione". A dirlo ancora una volta sono gli Schützen dell'area dell'ex Tirolo austriaco. Contro l'adunata fissata per il 2018 dall'Associazione Nazionale Alpini nella città di Trento si è espresso l'esecutivo dei “tiratori scelti” di Alto Adige, Trentino e della Regione austriaca del Tirolo.

 

Per il comandante Paolo Dalprà, "organizzare l'adunata nel 2018 rappresenta una pura provocazione, dato che si svolge nel 200/o anniversario della divisione del Tirolo".

 

Le critiche nei confronti dell'adunata da parte dei cappelli piumati non sono nuove, questa volta, però, da parte degli Schützen non solo una critica all'evento ma anche l'annuncio si azioni. “Abbiamo in animo di promuovere delle azioni per l'occasione – ha spiegato ancora il comandante - senza però giungere a contro-manifestazioni nei confronti del provocatorio raduno degli Alpini".

 

A definire una “provocazione” l'Adunata 2018 qualche settimana fa era stato Paolo Primon fondatore della Schützenkompanie di Trento che ora rincara la dose.

 

“Anche noi stiamo pensando di organizzare una manifestazione – ha affermato Primon – che potrebbe tenersi prima. E' una cosa che deve essere fatta perché scegliere quella data per organizzare una manifestazione che definiscono di pace è una presa in giro”.

Volantino Schützen 

Primon punta il dito contro i politici trentini che, in Consiglio regionale, non hanno votato a favore della mozione presentata dai consiglieri di Süd-Tiroler Freiheit che chiedeva che l'adunata a Trento non si tenesse nel 2018.

 

“In occasione dell'adunata – ha spiegato Paolo Primon – faremo un grande manifesto con i traditori che non hanno votato questa mozione. Trentini che hanno tradito la storia tirolese. Kaswalder è uscito dall'aula e anche la Bottamedi non si è presentata”.

 

“Noi non rispondiamo” è il commento del presidente degli Alpini trentini, Maurizio Pinamonti che assieme alla propria squadra in questi giorni sta lavorando senza sosta per organizzare l'Adunata del 2018.

 

“Noi stiamo lavorando – ha affermato – e a gennaio sarà costituito il comitato organizzatore. Sabato scorso a Milano è stato nominato il presidente del Coa (Comitato organizzatore adunata) che è Renato Genovese. Sabato a Treviso ci sarà un altro incontro nazionale dove si continuerà a lavorare per il 2018”.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:38

Guarire dal coronavirus non garantisce l’immunità permanente, il direttore dell’azienda sanitaria: “Circa il 75% delle persone contagiate in primavera, a settembre, avevano ancora gli anticorpi che riescono a neutralizzare il virus, ma il restante 25% può ammalarsi di nuovo. Al momento non ci sono modi per distinguere chi resta protetto dagli altri, quindi anche i guariti devono continuare a rispettare le norme di isolamento e proteggersi”

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino è tornato a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato