Contenuto sponsorizzato

Sembrava una famiglia come tante e invece nel bagagliaio nascondevano 3 chili di hashish

La polizia ha arrestato un tunisino all'altezza del casello di Rovereto Nord. Era, con mogli e figli, alla guida di un Opel all'interno della quale è stata trovata la droga. Addosso aveva anche un grammo di cocaina

Pubblicato il - 13 marzo 2017 - 11:53

ROVERETO. Sembravano una famiglia come tutte le altre e invece nel bagagliaio della macchina ecco spuntare 3 chili di hashish. E' successo nel tardo pomeriggio di venerdì all'uscita del casello di Rovereto Nord. La polizia era appostata per il routinario controllo sulla rete autostradale finalizzato a colpire i canali di rifornimento delle piazza trentine quando ha fermato una Opel Astra.

 

A bordo una famiglia di tunisini composta da padre, madre e due minori, residenti a Boltiere, in provincia di Bergamo. E' scattato il classico patente e libretto e poi la perquisizione del mezzo. All'apertura del bagagliaio, però, la sorpresa.  Il personale della polizia ha rinvenuto, infatti, 3 chili di hashish e, poi, addosso all’uomo circa un grammo di cocaina.

 

L’arresto è scattato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti per l'uomo. "L'arresto di venerdì e il sequestro di 3 chilogrammi di stupefacente - commenta Salvatore Ascione capo della squadra mobile e portavoce del questore - dimostrano che le attività preventive, volute dal questore d’Ambrosio e realizzate anche con il concorso della polizia stradale, destinate ad interrompere i canali di rifornimento della droga stanno producendo importanti risultati sia in termini di quantità sequestrate sia ai fini di contribuire ad un maggior senso di sicurezza della cittadinanza trentina".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 20:28

Sono 297 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi, mentre sono 38 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

 
 
20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato