Contenuto sponsorizzato

Trento, raffica di furti e spaccate nella notte. Almeno 6 locali nel mirino

Danni a diverse attività commerciali del centro storico. Colpito anche il cinema Modena e il Circolino di piazza Venezia. Vetrate rotte con dei bolognini. I titolari "C'è un problema di sicurezza in questa città"

Di Giuseppe Fin - 30 novembre 2016 - 15:48

TRENTO. E' stata una notte di spaccate quella appena andata in archivio. La città di Trento, infatti, è stata colpita da una raffica di furti e tentativi di furto a diverse attività commerciali a partire da bar, parrucchieri, piadinerie e ad essere colpito è stato anche il Cinema Modena.

 

I proprietari del Cinema Modena si sono trovati questa mattina la porta principale sfondata. “L'ultimo spettacolo è terminato attorno alle 23.30 – ci dicono i responsabili – e questa mattina abbiamo trovato la porta sfondata. Sono riusciti ad entrare ma crediamo abbiano avuto fretta per l'allarme che è scattato immediatamente. Sono riusciti a prendere il fondo cassa oltre ai danni fatti alla porta a vetri”. Un furto lo scorso settembre era avvenuto al Cinema Roma.

 

Poco lontano, avvicinandosi al centro, c'è stato un altro tentativo di furto con spaccata alla piadineria “Piadinamore “ di via Mantova. In questo caso, però, gli autori non sono riusciti ad entrare ma hanno comunque arrecato danni alla porta a vetri principale.

 

Festa d'inaugurazione rovinata, invece, per un nuovo bar che si trova in piazza Venezia. “A mezzanotte – ci spiega il proprietario che ha chiesto di rimanere anonimo – hanno rotto il vetro e sono entrati. Oggi è il primo giorno di apertura e ci troviamo con questo inizio. Ci hanno portato via tre bottiglie e la cassa. Ora dovrò pagare circa 2 mila euro di danni e altri 5 mila perché abbiamo già capito che dovremo installare dei vetri blindati e anche una serranda. Trento non è più sicura”.

Vetro anti-proiettili che ha scongiurato il tentativo di furto avvenuto al Circolino di piazza Venezia, già più volte nelle mire dei ladri. Quest'ultimi hanno tentato di entrare dalla parte posteriore del locale senza però riuscirsi. “Ma siamo tra i più vessati della zona – ci spiega uno dei proprietari -. Qui sono entrati tantissime volte. Comunque adesso non teniamo più niente all'interno la notte. Non ci fidiamo. Siamo stati avvisati questa mattina presto da un cliente che stava portando a spasso il suo cane nel parco di Piazza Venezia. Ha trovato la cassa (probabilmente del bar di qui sopra) e credendo potesse essere nostra ci ha avvisato, intorno alle 5”.

Porta a vetro distrutta anche al Salone Enzo di Via Santa Maria Maddalena. Anche in questo caso gli autori sono riusciti ad entrare spaccando la vetrata con dei bolognini. “Hanno portato via 30 euro dalla cassa e la scatoletta delle offerta per il canile – spiega il titolare - e non riesco a capire cosa pensavano di trovare. All'interno ho anche trovato delle tracce di sangue perché si saranno tagliati. Il danno enorme è arrivato soprattutto per il vetro della porta rotto”

Per la seconda volta nell'arco di due settimane, questa notte a subire un tentativo di furto è stata anche l'agenzia “Trento Viaggi” di via Rosmini. I ladri hanno tentato di entrare, senza però riuscirci, grazie al vetro antisfondamento che ora però risulta completamente distrutto. “Questa è la seconda volta che cercano di entrare – spiegano i titolari – il primo episodio è accaduto circa due settimane fa. In questa via nell'ultimo anno sarà ormai la settima volta che accadono cose di questo genere”. I danni non mancano. “Stiamo attendendo – ci dicono i titolari dell'agenzia – che vengano quantificati ma presumiamo che si aggirino sui 1.500 euro”.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

25 novembre - 08:56

La 73enne Iolanda Balzano si è spenta dopo aver lottato contro il coronavirus: madre di quattro figli, nonna e bisnonna si era candidata in sostegno di Franco Ianeselli nelle ultime elezioni comunali. Il figlio: “Una manciata di giorni ti hanno portata via da quella quotidianità che vivevi con la forza e il coraggio”

24 novembre - 16:58

Un’analisi dei certificati di decesso ha mostrato che il Covid-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi raccolti nel Sistema di Sorveglianza. L’Iss: “È probabile che nei mesi di marzo e aprile i decessi legati al coronavirus siano sottostimati perché molti pazienti morirono senza essere testati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato