Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la Cisl: ''Misure insoddisfacenti per fronteggiare l'emergenza. Si devono aiutare le famiglie e affrontare i temi prevenzione sanitaria''

Questo il giudizio della Cisl Fp dopo l'incontro con i dirigenti di Pat, Upipa e Consorzio dei Comuni sul tema delle tutele dei servizi e dei pubblici dipendenti del comparto autonomie locali. Tutto in attesa di incontrare i vertici dell’Apss

Pubblicato il - 10 marzo 2020 - 22:36

TRENTO. "Siamo insoddisfatti per le misure preannunciate e che riguardano esclusivamente la possibilità per alcune categorie di lavoratori di accedere allo smart working per fronteggiare in particolare i bisogni di cura dei figli fino alla scuola dell’obbligo e dei familiari in particolari condizioni di fragilità". Così Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp.

 

"Pur essendo già prevista dalle Norme nazionali - aggiunge Pallanch - questa misura è stata presentata come l’unica risposta possibile in questo momento in quanto la delegazione pubblica di parte datoriale ha dichiarato di non avere un mandato più ampio per attingere a ulteriori strumenti contrattuali. Abbiamo contestato l’assoluta parzialità della risposta che non affronta i temi della prevenzione e sicurezza sanitaria, oltre alla conciliazione dei tempi per la quale potrebbero essere introdotte misure estensive, quali il ricorso a permessi per gravi motivi contrattualmente previsto, maggiore flessibilità dell’orario anche al di fuori delle fasce obbligatorie, l’estensione del part time temporaneo, maggiore elasticità nelle fasce orarie per fruire del buono pasto, per evitare eccessivi affollamenti".

 

Questo il giudizio della Cisl Fp dopo l'incontro con i dirigenti di Pat, UpipaConsorzio dei Comuni sul tema delle tutele dei servizi e dei pubblici dipendenti del comparto autonomie locali. Tutto in attesa di incontrare i vertici dell’Apss.

"Anche a livello organizzativo - prosegue il segretario della Cisl Fp - non abbiamo avuto alcuna apertura rispetto alle richieste dei lavoratori di maggiore e attenta regolazione degli accessi dell’utenza negli uffici dove servirebbero dispositivi adeguati a tutela dei lavoratori e degli stessi utenti come delle semplici e poco costose protezioni in plexiglas o distanziatori funzionali".

 

Il sindacato chiede di affrontare le criticità quanto prima. "In ogni caso - conclude Pallanch - rileviamo la persistente resistenza a un confronto informativo serio su tematiche tanto delicate quali l’attuale emergenza sanitaria richiederebbe e ribadiamo l’assoluta responsabilità per una collaborazione effettiva. Sollecitiamo nuovamente un incontro con il presidente Fugatti che affronti le questioni sanitarie e organizzative dei servizi pubblici e non solo quelle delle categorie economiche. Siamo in attesa del decreto nazionale che dovrebbe prevedere la concessione di permessi straordinari e dovrebbe regolare tutte le situazioni anche del personale sanitario".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato