Contenuto sponsorizzato

Si rafforza la collaborazione tra Itas Mutua e il socio sovventore partner Vhv Allgemeine Versicherung di Hannover

"Ci sono oggi tutte le condizioni per il rilancio del nostro modello mutualistico che certamente potrà rafforzarsi sulla scorta di quanto avvenuto negli altri Paesi europei; in tal senso Vhv è un esempio tra tutti", commenta Alessandro Molinari, amministratore delegato e direttore generale di Itas

Pubblicato il - 01 giugno 2020 - 20:59

TRENTO. E' sempre più salda l'alleanza tra Itas e Vhv. Con la decisione di questa settimana del board tedesco, il capitale di 15 milioni di euro entra a pieno titolo nei fondi che rafforzano ulteriormente la solidità di Itas: Vhv ha, infatti, confermato alla società la volontà di rafforzare il rapporto di partnership strategica comunicando ufficialmente l’annullamento immediato dell’opzione Put and Call che condizionava la partecipazione al Fondo di Garanzia del colosso trentino.

Si tratta di un atto che, oltre a consolidare il rapporto fiduciario con il partner tedesco, permette alla Mutua di rafforzare le collaborazioni in corso e di investire ulteriormente in sviluppo a vantaggio della propria posizione nel panorama assicurativo nazionale, valorizzando al contempo la profonda radice mutualistica che rappresenta un unicum nel mercato italiano.

 

"Ci sono oggi tutte le condizioni per il rilancio del nostro modello mutualistico che certamente potrà rafforzarsi sulla scorta di quanto avvenuto negli altri Paesi europei ove le mutue possiedono rilevanti quote di mercato; in tal senso Vhv è un esempio tra tutti", commenta Alessandro Molinari, amministratore delegato e direttore generale di Itas.

 

In concreto, la rinuncia all’opzione determina immediatamente la possibilità di qualificare il capitale del socio partner come eligible (ascrivibile) al patrimonio di vigilanza, con l’effetto di consolidare ulteriormente gli indici di solvibilità della capogruppo e quindi dell’intero Gruppo Itas.

 

In merito all’operazione nel suo complesso, l’amministratore delegato Molinari esprime la sua soddisfazione per il risultato conseguito che conferma come una mutua delle dimensioni di Vhv riponga nel Gruppo trentino estrema fiducia, considerandolo soggetto autorevole nel mercato nazionale anche per il potenziale che potrà esprimere.

 

Questo risultato è il frutto di un’attività di rilancio delle relazioni di alto profilo attuata nel corso delle ultime settimane dal nuovo amministratore delegato che ha saldato con Vhv, colosso mutualistico tedesco con rating A+, una collaborazione operativa che la società ritiene foriera di ottime opportunità di sviluppo reciproco.

 

"Stiamo già elaborando un aggiornamento del piano industriale - conclude Molinari - che da un lato recepirà le nuove esigenze assicurative e dall’altro rafforzerà i sistemi tecnologici per una gestione dei rapporti a distanza con gli assicurati attraverso la nostra estesa rete agenziale; l’obiettivo centrale è quindi ora “tecnologia smart” a servizio di uno sviluppo equilibrato".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 19:50

Sono 462 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 179 positivi a fronte dell'analisi di 3.403 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,3%

25 novembre - 19:33

Il Comune di Grigno vuole offrire la possibilità a tutti i 2200 abitanti di fare il tampone, ora si attente il via libera della Provincia. Il sindaco Voltolini: “Abbiamo già uno spazio e la disponibilità di medici e infermieri volontari, basta che ci mandino i test necessari. Lo screening di massa? Strumento fondamentale per la gestione della pandemia

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato