Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, i bambini di Tokyo, Trento e Brunico imparano insieme l'inglese grazie alla dad

Ad essere coinvolte nel progetto promosso dalla Libera Università di Bolzano, è stata una classe della scuola primaria Nicolodi di Trento, una dell’istituto Bachlechner di Brunico e un gruppo di bambini giapponesi coetanei

Pubblicato il - 27 novembre 2020 - 11:20

TRENTO. Insegnare l'inglese a 70 bambini e bambine dal Trentino - Alto Adige e dal Giappone, grazie alla didattica a distanza. Tutto questo grazie al progetto “unibz-Meisei Mssp2_Didattica Online per Alunni della Scuola Primaria” avviato dalla professoressa Maria Cristina Gatti, linguista e docente di didattica della lingua inglese alla Facoltà di Scienze della Formazione a Bressanone. 

 

Ad essere coinvolte sono state due classi della scuola primaria dell’Alto Adige e del Trentino - una di Brunico (dell’istituto Bachlechner) e una di Trento (scuola primaria Nicolodi, Istituto comprensivo di Trento 3) - e un gruppo di bambini giapponesi coetanei.

 

L’obiettivo del progetto della professoressa Gatti era quello di elaborare buone pratiche dell’insegnamento della lingua inglese in modalità virtuale a bambini della scuola primaria.

 

Le lezioni sono il prodotto della cooperazione tra 36 studenti di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano e 36 colleghi della Meisei University di Tokio. I 72 studenti universitari sono stati suddivisi in 10 squadre che, accompagnate e affiancate dai docenti universitari esperti di didattica della lingua inglese, hanno ideato, coordinato e realizzato gli incontri tra gruppi misti composti da bambini italiani e giapponesi.

 

“Il progetto mira a promuovere la cooperazione transnazionale mediante il coinvolgimento di docenti e studenti di vari atenei volta all’elaborazione in modo sperimentale di forme innovative di didattica online della lingua inglese. L’obiettivo formativo del progetto è duplice”, commenta la prof.ssa Maria Cristina Gatti.

 

“Da una parte - continua - intende offrire agli studenti universitari un’opportunità di confronto e collaborazione con pari a livello internazionale per l’elaborazione propositiva di linguaggi e modalità innovative di didattica a distanza. Dall’altra, vuole dare la possibilità ai bambini della scuola primaria di partecipare ad un progetto didattico internazionale di cui loro stessi sono al centro sia come destinatari sia come soggetti attivi, e in cui la lingua inglese rientra in quanto obiettivo didattico-formativo e mezzo comunicativo”.  

 

“L’entusiasmo e la curiosità con cui famiglie e bambini hanno aderito al progetto hanno trovato pieno riscontro nella sua ottima riuscita”, aggiunge Elisabetta Realdon, direttrice della scuola primaria Nicolodi di Trento, “Se il valore didattico dell’esperienza è indiscutibile, aver avuto l’opportunità di entrare in contatto con una cultura tanto lontana e “diversa” ha arricchito di un indelebile “pizzico di magia” questa significativa esperienza”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 05:01

Dalle versioni contraddittorie di Pat e Apss alla conferma del Ministero della Salute che sottolinea: “Il tampone molecolare di controllo deve essere fatto nel più breve tempo possibile. Su questo non c’è dubbio. Non mettiamo un limite temporale, ma possibilmente entro 24-48 ore”. Eppure in Trentino è stato dimostrato che servono almeno 10 giorni

23 gennaio - 20:31

Sono 246 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 6 decessi, mentre sono 28 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

23 gennaio - 19:50

Oggi la conferenza Stato - Regioni, Fugatti: ''I programmi dell'arrivo dei vaccini sono saltati. Ci dobbiamo arrangiare con gli strumenti che abbiamo. Con i vaccini, purtroppo, ci vorrà molto tempo per avere un numero alto di somministrazioni nella popolazione”

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato