Contenuto sponsorizzato
07/04/2022 - 21:04

IL VIDEO. Caso Ponza, telefonino di Gimmy disabilitato in modo misterioso

Roma, 7 apr. (askanews) - Emergono inquietanti novità sul caso di Gimmy Pozzi, il giovane romano trovato morto a 28 anni sull'isola di Ponza il 9 agosto 2020 in circostanze mai chiarite. Il telefonino del campione di kickboxing, che lavorava come buttafuori per un locale dell'isola, è risultato inutilizzabile. Un nuovo perito del pubblico ministero Flavio Ricci, che si occupa del caso dall'autunno 2021, ha tuttavia fatto un download dei dati che si trovavano sull'Iphone 7 di Gianmarco su un altro dispositivo, ma a mancare è proprio il backup dell'ultimo mese - dal 23 luglio al 9 agosto 2020 - che sarebbe stato impedito in seguito alla presunta manomissione e che avrebbe potuto contribuire a risolvere il caso. "È stato da un precedente perito del vecchio pm, il dottor Cerqueto, il quale ha consegnato il telefono dopo circa un mese, un mese e mezzo, dichiarando che il telefono si era bloccato", spiega l'avvocato della famiglia Pozzi, Fabrizio Gallo, in un'intervista da remoto ad askanews."In realtà abbiamo scoperto un'altra cosa: dopo grande insistenza da parte del pm, il pm ha accettato di dare un nuovo incarico ad un altro perito, uno dei migliori d'Italia e 15 giorni fa questo perito ha ricevuto il telefono e si è accorto che il telefono non era bloccato, è stato disabilitato", ha aggiunto Gallo."Non è possibile che un tecnico sia così sprovveduto, perché continua a fare, nonostante gli 8 tentativi per bloccare un Iphone 7, ma i successivi, fatti a cadenza di tempo, per andarlo a disabilitare per sempre, cancellando ogni cosa di quel telefonino, questa è la prima ipotesi. O che lui abbia ricevuto già il telefono disabilitato e ha commesso un falso dichiarando nella sua perizia che lo ha bloccato lui. A questo punto la famiglia ha fatto una denuncia nei confronti di questo Cerqueto", ha rivelato."Il dottor Cerqueto è l'unico che ha fatto la perizia su questo telefono prima di quest'ultima perizia del nuovo consulente del pubblico ministero, che vuole rimanere anonimo perché la situazione è delicatissima, che metterà nero su bianco gli errori del vecchio perito e che è riuscito ad aprire il telefono, non di Gianmarco, ma è riuscito a fare il download su un altro telefonino, su un muletto da lui acquistato, dove purtroppo il telefonino è stato bloccato prima che facesse l'ultimo download sull'iCloud. Quindi noi abbiamo tutti i dati fermi al 22 luglio del 2020, qualche giorno prima che morisse", ha affermato.

Contenuto sponsorizzato
Cronaca
Archivio video
Ultima edizione
Edizione del 24 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 maggio - 13:34
La manutenzione dell'area, i servizi necessari fino alla criticità dei parcheggi. Sono tantissime le incognite per il futuro della Music [...]
Società
24 maggio - 22:25
Il monumento simbolo di Rovereto ha voluto ricordare le vittime in Italia e nel mondo di omo-lesbo-bi-transfobia. La panchina [...]
Politica
25 maggio - 11:21
Con il pretesto di “valorizzare la cultura gastronomica” e “preservare le tradizioni” i cacciatori potranno cedere a titolo gratuito a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato