Contenuto sponsorizzato
16/03/2022 - 18:03

IL VIDEO. Parte da Taranto il primo parco eolico offshore del Mediterraneo

Roma, 16 mar. (askanews) - Parte da Taranto il primo parco eolico offshore del Mar Mediterraneo, il primo in Italia. Il Parco "Beleolico", così si chiama il progetto del gruppo Toto, è simbolo di rinascita, per una città fino ad oggi nota per le acciaierie altamente inquinanti. Un progetto divenuto ancora più importante, nel mezzo della crisi energetica inasprita dalla guerra in Ucraina.Il progetto, che si estenderà lungo le coste della Puglia, fa capo a Renexia, di cui è direttore generale Riccardo Toto: "L'eolico offshore può essere l'effettivo futuro delle energie rinnovabili in Italia e non solo", ha spiegato in un'intervista a France Presse. "Devo dire che il governo e il sistema Paese si sta muovendo nella giusta direzione per far sì che le autorizzazioni abbiano dei tempi più brevi e soprattutto dei tempi certi, che è la cosa più importante per chi come noi vuole investire nelle energie rinnovabili".Il progetto che una volta terminato disporrà di 10 turbine capaci di alimentare 21.000 abitazioni, piace anche agli ambientalisti. La presidente di Legambiente Taranto, Lunetta Franco: "Speriamo, auspichiamo che sia semplicemente l'inizio di una nuova era per la città, che diventi veramente una città green, in cui anche l'industria sia riconvertita e decarbonizzata definitivamente, sia alimentata definitivamente da fonti rinnovabili", ha commentato ai microfoni di France Presse."Si deve fare un'accelerazione decisa sulle fonti rinnovabili. La crisi energetica attuale non fa che confermarci in questa opinione", ha concluso.

Contenuto sponsorizzato
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
altra montagna
17 giugno - 19:00
L’infelice affermazione di Paolo Roccatagliata, consigliere di Municipio 2 di Fratelli d'Italia a Milano, è figlia di un [...]
Montagna
18 giugno - 08:50
Il racconto dei soccorritori: "Ogni due settimane saliamo al bivacco Günther Messner, sotto la Gran Vedretta, per pulirlo. Così chi [...]
Montagna
18 giugno - 10:40
I due avevano seguito una traccia errata, operazioni di avvicinamento rese difficili dalla nebbia
Contenuto sponsorizzato