Contenuto sponsorizzato
11/03/2022 - 16:03

IL VIDEO. Settimana mondiale glaucoma, focus su importanza prevenzione

Roma, 11 mar. (askanews) - Una settimana dedicata, a livello mondiale, alla comunicazione sull'importanza di controllare la vista per evitare di scoprire, troppo tardi, di essere alle prese con una malattia estremamente invalidante: il glaucoma. Askanews ne ha parlato con il dottor Francesco Oddone, Responsabile Unità Operativa (UO) Glaucoma della Fondazione Bietti sostenuta da Fondazione Roma. Innanzitutto cosa è esattamente il glaucoma?"Il glaucoma è una malattina neurodegenerativa che colpisce il nervo ottico. Cioè il nervo deputato al trasferimento della vista dall'occhio verso il cervello. Una malattia potenzialmente molto inabilitante, prima causa di cecità irreversibile al mondo. Al di là della cecità, che può sorgere negli stadi più tardivi della malattia, può essere inabilitante anche durante il suo decorso, soprattutto negli stadi intermedi ed avanzati".Importante allora l'iniziativa della Settimana mondiale del glaucoma, per spingere ad una maggiore prevenzione:"Il Glaucoma che non possiamo prevenire dal punto di vista della sua insorgenza ma possiamo diagnosticare precocemente, e la diagnosi precoce è il passo più importante per poter proteggere la vista. Il glaucoma infatti per la maggior parte del suo decorso è sostanzialmente asintomatico e si stima che la metà delle persone che hanno il glucoma non sanno di averlo perchè non hanno mai fatto una visita oculistica. Nel corso della quale invece è possibile rilevarlo ed iniziare in maniera tempestiva tutte le cure necessarie. La prevenzione è dunque fondamentale perchè tutto quello che si perde con il glaucoma dal punto di vista visivo non si può più recuperare. Quindi quanto più in anticipo partiamo con le cure quanto più possiamo proteggere la vista". Cure che oggi possono contare su importanti avanzamenti, come conferma il dottor Francesco Oddone: "La tecnologia ha fatto passi da gigante sia dal punto di vista diagnostico, oggi abbiamo strumenti sofisticatissimi per la diagnosi precoce di questa malattia, strumenti non invasivi molto rapidi. E' quindi opportuno, questo è il messaggio, fare regolarmente visite oculistiche soprattutto dopo i 40 anni anche prima se si hanno familiari con glaucoma. Anche dal punto di vista terapeutico abbiamo innovazioni veramente continue sia per la terapia medica basata su colliri o su impianti a lento rilascio sia dal punto di vista chirurgico quando necessario. Per cui abbiamo veramente tutto ciò che ci serve per diagnostica precocemente la malattia e trattarla nel modo più opportuno e precoce possibile. Manca solo che i cittadini si facciano visitare regolarmente in modo da poter effettivamente fare una diagnosi precoce e proteggere la loro vista".

Contenuto sponsorizzato
Cronaca
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
05 marzo - 05:01
Il ddl orsi è stato approvato dal Consiglio provinciale di Trento dopo una lunghissima discussione in Aula. All'esterno del palazzo le proteste [...]
Cronaca
04 marzo - 21:42
Sono state pubblicate le prime immagini di Chico Forti dopo la notizia della firma dell'iter autorizzativo di trasferimento dagli Stati Uniti [...]
Politica
04 marzo - 18:56
La parlamentare trentina del Partito democratico Sara Ferrari fa parte della delegazione che si trova in Egitto, sul confine con Gaza per [...]
Contenuto sponsorizzato