Contenuto sponsorizzato
27/01/2023 - 18:01

IL VIDEO. Lavori urgenti, tribunale di Bologna deve traslocare per 2 anni

Bologna, 27 gen. (askanews) - "Più che fare il giudice, mi capita sempre più spesso di fare il capo cantiere". Lo ha detto, più o meno ironicamente, il presidente della Corte d'Appello di Bologna, Oliviero Drigani, annunciando un "progetto di lavori straordinari finanziato da fondi del Pnrr" per la sede della Corte d'appello a Palazzo Ranuzzi-Baciocchi e per Tribunale per i Minorenni che porterà a una vera e propria "rivoluzione" per avvocati, pm, giudici e per chi nei prossimi tre anni avrà a che fare con la giustizia in Emilia-Romagna. Entro il 2 maggio, infatti, dovranno partire i cantieri per un investimento complessivo di 3 milioni di euro. Già dai primi giorni di giugno dovranno traslocare circa 100 professionisti. La sede temporanea - o le sedi temporanee - non sono state ancora trovate e si dovrà discutere nelle prossime settimane col sindaco Lepore e con il presidente della Regione Bonaccini. Questo almeno l'auspicio di Drigani che in apertura dell'anno giudiziario farà un bilancio delle attività e un elenco dei "ritardi" accumulati negli ultimi dodici mesi.IN 00:11 OUT 00:53"Dobbiamo riproporre il tema della copertura di organici in una regione cuore, mi sono reso conto di quanto il nostro territorio sia scoperto nonostante l'importanza economico, imprenditoriale e sociale che esso ha - ricorda Drigani -. Domani conto di comunicare al capo di gabinetto del ministro Nordio e al rappresentante del Consiglio superiore della magistratura che abbiamo bisogno di loro, del loro aiuto e della loro attenzione. Questo territorio va aiutato nel suo sviluppo economico, sociale e imprenditoriale".La parola d'ordine è "fare presto" perché a Bologna nel 2023 sono attesi in appello processi importanti. Il Presidente della Corte d'Appello di Bologna torna quindi a chiedere un aumento dell'organico, esattamente come un anno fa.IN 01:29 OUT 01:51"E' cambiata la consapevolezza, è aumentata la consapevolezza. Ma non sul piano delle strutture - spiega -. Ciclicamente arrivano 6 o 7 giudici ogni anno e ne vanno in pensione altrettanti. Quindi c'è un problema di struttura organica quanto meno per la Corte d'appello. Negli altri uffici siamo messi un po' meglio".Un problema grosso si segnala a Piacenza, un tribunale tradizionalmente in sofferenza, e qualche disagio a Forlì e Ravenna, sedi dove possono essere destinati giudici di prima nomina.IN 02:48 OUT 03:09"La presidenza della seconda sezione penale è scoperta da novembre 2021 - conclude Drigani -. Ragionevolmente per i tempi tecnici che ci vogliono non avremo il nuovo presidente prima di settembre 2023. Con gli organici ridotti all'osso la mancanza di un presidente di sezione incide parecchio".

Contenuto sponsorizzato
Cronaca
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 febbraio - 13:58
Sono già in azione i mezzi per liberare il tratto autostradale dalla neve. Al momento sono sei i chilometri di coda nel tratto italiano [...]
Cronaca
23 febbraio - 13:21
Il sinistro è avvenuto attorno alle 10 e 20 sulla Ss45 bis, quasi all'ingresso del paese di Dro: i due furgoni si sono schiantati frontalmente [...]
Cronaca
23 febbraio - 12:00
Situazione difficile viene registrata anche su alcuni Passi a causa delle forti nevicate che stanno avvenendo in queste ore. "Nonostante il [...]
Contenuto sponsorizzato