Contenuto sponsorizzato
21/08/2023 - 14:08

IL VIDEO. Mutti: cresce ancora prezzo del pomodoro, ora è allarme vetro

Rimini, 21 ago. (askanews) - Continua a "crescere in modo rilevante" il prezzo del pomodoro che è passato dai 92 euro di due anni fa a 150 euro di quest'anno. Ma il settore della trasformazione del pomodoro, nel pieno della campagna di raccolta, lancia un nuovo allarme legato all'incremento dei costi per il vetro. Lo ha detto l'amministratore delegato di Mutti, Francesco Mutti, e presidente di Centromarca, a margine di un incontro al Meeting di Rimini."Due anni fa il pomodoro costava 92 euro, poi l'anno scorso è passato a 108 euro e quest'anno c'è stato chiesto e il contratto è stato segnato a 150 euro - ha spiegato Mutti -. Quindi c'è un incremento costi anche solamente sulla nostra materia prima estremamente rilevante, mai visto un prezzo di questo tipo". Ora "stiamo cercando di gestire al meglio al fine di ridurre al minimo l'impatto sul consumatore".Questa "non è una condizione ottimale, per fortuna abbiamo l'energia che sta riducendo. Ma - ha precisato l'amministratore delegato - ci sono altri fattori" che preoccupano le imprese del settore "uno fra tutti il vetro che continua inspiegabilmente a portare aumenti. Tutto questo non fa bene ancora una volta l'economia del sistema Paese"."La campagna in questo momento è nel suo pieno svolgimento, è molto presto per un settore come il nostro riuscire a tracciare qualunque tipo di bilancio - ha aggiunto Mutti -. Un clima nelle prossime settimane positivo o negativo può fare cambiare in modo radicale le rese in campo e quindi la produzione stessa. Trattermo qualche conclusione verso la fine del mese di settembre, manca ancora un mese per poter dire come è andata la campagna del 2023".

Contenuto sponsorizzato
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 luglio - 10:17
L'associazione animalista annuncia che il Tribunale amministrativo regionale di Trento ha bloccato l'ordinanza di abbattimento per l'orsa che [...]
Cronaca
19 luglio - 10:04
La problematica, segnalata a livello globale, non sembra essere causata da un cyberattacco: da diverse ore si stanno segnalando interruzioni, anche [...]
altra montagna
19 luglio - 06:00
Il 19 luglio 1985, alle ore 12:22, una colata di fango e detriti di 180.000 metri cubi si staccò dalle discariche minerarie della Val di Stava [...]
Contenuto sponsorizzato