Contenuto sponsorizzato
03/03/2022 - 17:03

IL VIDEO. Ucraina, speranza e preghiere nel bunker del reparto maternità

Chernihiv (Ucraina), 3 mar. (askanews) - Fuori la guerra e gli abitanti che cercano di frenare l'avanzata russa. Ma nel reparto di maternità di un ospedale di Chernihiv, nel Nord dell'Ucraina, c'è anche speranza. Nell'ultima settimana sono nati 46 bambini tra cui due gemelli. Le donne incinte e quelle che hanno appena partorito dormono in un bunker all'interno dell'ospedale. E ora si augurano un futuro sereno per i loro figli in una Ucraina indipendente."Bene, è andato tutto bene, ora vorrei solo pace, silenzio e calma", dice una donna. Ora andremo a casa. Ma a casa abbiamo anche gli attacchi aerei. Così dovremo andare in una cantina fredda. È così, ed è per questo che siamo più al sicuro qui che a casa"."Voglio che mio figlio viva in un paese splendente e bello. Sono sempre stata contenta di essere in Ucraina - racconta - alcuni non sono soddisfatti della qualità della vita. Nel mio Paese mi piace tutto. Non voglio andare in un altro Paese"."Ho partorito con un cesareo programmato - racconta un'altra donna - questo è successo tra un attacco aereo e l'altro. Sarei morta se fossi stata in trincea. Semplicemente non potevo partorire senza assistenza medica. Naturalmente sono una mamma, ed ero preoccupata. Ma sono una persona religiosa e credo che questo sia un luogo santo. Anche l'Ucraina è un luogo santo. La madre di Dio ci protegge. Dio dà la forza a noi e al nostro esercito. Dio ci protegge".(fonte: NewCH Tv)

Contenuto sponsorizzato
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
15 giugno - 20:02
Non solo neve ma anche una fitta coltre di nebbia e due escursionisti hanno ben pensato di avventurarsi a quota 2.601 in pantaloncini corti e [...]
altra montagna
15 giugno - 18:00
Piccola realtà montana situata nel cuore del Trentino, l'azienda Val di Fiemme Outdoor è stata fondata da Aldo e Federica con l'obiettivo di [...]
Politica
15 giugno - 17:36
Il partito di Carlo Calenda è reduce da un flop a livello nazionale per le europee ma in Trentino il risultato è stato migliore con il supporto [...]
Contenuto sponsorizzato