Contenuto sponsorizzato

“Paolo Caracristi per l'Ambiente”, tre le associazioni premiate questa mattina

La quarta edizione del premio sarà riservata alle associazioni Scout che avranno portato avanti “progetti di cura e ripristino ambientale, di valorizzazione del territorio e delle tradizioni"

Pubblicato il - 14 March 2017 - 12:24

Il Gruppo Speleologico Trentino, l'associazione “Noi quartieri Trento Sud” con “Associazione Villazzano Tre” e gruppi Scout 1 e 12, infine l'associazione “Puli...amo Gardolo”.

 

Sono tre i vincitori del premio “Paolo Caracristi per l'Ambiente 2016” che questa mattina sono stati premiati in Comune a Trento con mille euro ciascuno.

 

Il concorso è indetto da Comune e Dolomiti Energia per promuovere la riduzione dei rifiuti, la raccolta differenziata e la cura del territorio, ma soprattutto per ricordare la figura di Paolo Caracristi, dipendente del Servizio Ambiente scomparso prematuramente nel gennaio 2012.

 

“Questo premio – ha spiegato l'assessore comunale Andrea Robol – vuole riconoscere l'attività spontanea e l'impegno nei confronti della nostra città da parte dei cittadini e delle associazioni”.

 

Il gruppo Speleologico Trentino, da anni presente sul territorio in particolare nella circoscrizione di Villazzano, ha organizzato un'iniziativa di pulizia e rimozione di rifiuti lo scorso 25 settembre 2016 all'interno di cavità artificiali a Celva. L'iniziativa, denominata “Puliamo il Buio” ha consentito di ripristinare le cavità artificiali (“Stoi”) che erano state saltuariamente abitate fino agli anni '60. Al loro interno erano stati abbandonati mobili, suppellettili, elettrodomestici e materiali di svariate tipologie. I volontari coinvolti sono stati 15 e sono stati raccolti 840 Kg. di materiali ferrosi, 4 cassonetti di rifiuti residuo, 2 contenitori di vetro.


L'associazione “Noi quartiere Trento Sud” ha organizzato l'iniziativa “Vivi il tuo quartiere” nel cui ambito era prevista un'azione di pulizia del territorio e rimozione rifiuti abbandonati con il coinvolgimento dei Gruppi Scout 1 e 12. L'iniziativa ha visto la mobilitazione di circa 80 volontari ed ha consentito di raccogliere una grande quantità di rifiuti abbandonati sul territorio del quartiere di Villazzano 3.

 

Ad organizzare una giornata di pulizia per il proprio territorio è stata l'associazione “Puli...amo Gardolo” che ha aderito al progetto “Al mio quartiere ci penso anch'io” con la presenza di ben 80 volontari.

 

La quarta edizione del premio sarà riservata alle associazioni Scout che avranno portato avanti “progetti di cura e ripristino ambientale, di valorizzazione del territorio e delle tradizioni e storia locali, di pulizia e rimozione di rifiuti abbandonati, di coinvolgimento dei ragazzi e dei giovani in azioni di volontariato e di cittadinanza attiva nel periodo compreso tra il 1 gennaio ed il 31 dicembre 2017”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 January - 11:04

L’uomo non è l’unico essere vivente a intrecciare relazioni con le altre specie, per esempio corvi e lupi possono collaborare fra loro con gli uccelli che indicano ai carnivori la presenza di prede o carcasse. Ma non solo perché alcuni corvi sono stati visti giocare con i cuccioli del branco

20 January - 16:21

L'ingresso di Fratelli d'Italia sulla scena politica trentina e regionale aveva fin da subito creato alcuni malumori nelle forze di maggioranza, soprattutto in quota Svp. L'ormai ex assessore aveva spiegato di essere pronto al passo indietro per non creare attriti in maggioranza. Oggi è stata formalizzata la decisione: "Non ho mai creduto alla 'carriera politica', ho sempre creduto alla libertà di fare politica"

20 January - 15:20

Il sindaco di Trento interviene per fare chiarezza sulla destinazione dei fondi raccolti e sul futuro del gregge: “Capiamo la delusione di chi avrebbe voluto tenere insieme, in Valle dei Mocheni, le capre di Agitu, ma la soluzione temporanea che è stata trovata mira proprio a tutelare gli animali. Stiamo elaborando un progetto capace di tener viva la memoria di Agitu e di farsi interprete del suo amore per gli animali e per il territorio”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato