Contenuto sponsorizzato

Botti di Capodanno, i primi sequestri. La Questura: "Famiglie fate attenzione, possono essere venduti anche a minorenni"

Il gestore di un negozio di Bolzano è stato denunciato dalla Polizia. All’interno dell’esercizio commerciale erano esposti una trentina di prodotti pirici privi di marchio CE. Tutto il materiale è stato sequestrato

immagine di repertorio
Pubblicato il - 20 December 2017 - 14:25

TRENTO. Si avvicina il Capodanno e come sempre si intensificano in questo periodo i controlli sui prodotti pirotecnici venduti al pubblico. Tutti gli anni le forze dell'ordine procedono al sequestro di botti e petardi non conformi alle indicazioni europee, a tutela dei consumatori.

 

E il frutto di questo intensificarsi dei controlli ha portato anche quest'anno i suoi frutti: il gestore di un negozio di Bolzano è stato denunciato a piede libero dagli agenti della Polizia Amministrativa della Questura di Bolzano.

 

All’interno dell’esercizio commerciale, e precisamente esposti in vendita al pubblico sugli scaffali, erano esposti una trentina di prodotti pirici privi di marchio CE e conseguentemente non detenibili per la vendita.

 

Per la legge sui pirotecnici attualmente in vigore, infatti, a partire dal 5 luglio 2017 possono essere detenuti, utilizzati, posti in vendita, trasportati, importati o esportati, solo quei prodotti pirici muniti di marcatura CE che sono stati dichiarati conformi a precisi requisiti di sicurezza fissati in ambito UE.

 

"A tal proposito - raccomanda la Questura - dev'essere fatta particolare attenzione da parte delle famiglie in quanto l’attuale legge consente la vendita di alcuni prodotti pirotecnici anche ai minorenni (dai 14 anni in su)”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 March - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 March - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato