Contenuto sponsorizzato

Nevica ancora in Val di Non e Sole, chiuso il passo Sella e la sp25 tra Garniga Vecchia e Viote, ecco la situazione di tutte le strade in Trentino

I mezzi sono operativi e questa la fotografia della viabilità. Attualmente tutte le principali strade sono percorribili, ma il servizio gestione strade della Provincia di Trento raccomanda la massima prudenza per fenomeni localizzati di pioggia gelata

Pubblicato il - 11 dicembre 2017 - 12:29

TRENTO. Sono già scesi tra i 15 e 30 centimetri di neve nelle zone oltre gli 800 metri. Le precipitazioni iniziate nel corso del pomeriggio di ieri hanno interessato tutto il territorio provinciale. Attualmente tutte le principali strade sono percorribili, senza particolari difficoltà nel fondovalle, ma il servizio gestione strade della Provincia di Trento raccomanda la massima prudenza per fenomeni localizzati di pioggia gelata. Qualche disagio in Valle di Fiemme e Fassa, mentre la strada tra Garniga Vecchia e Viote è chiusa.

 

I mezzi sono operativi e questa la fotografia della viabilità in Provincia. In Valsugana le strade sono percorribili, ma è necessario tenere alta la guardia. In particolare lungo la strada statale 47 per la presenza di pioggia gelata. Le precipitazioni nevose variano tra i 10-15 centimetri in Alta Valsugana ai 20-25 centimetri tra l'Altopiano di Pinè e la Val dei Mocheni, ma anche sul passo Rolle e Brocon

 

In Vallagarina e sull'Altopiano di Folgaria, Lavarone e Luserna le strade sono percorribili, ma si raccomanda prudenza, qui sono caduti circa 25-30 centimetri tra la zona di Folgaria e Passo Coe, Brentonico, San Valentino e Monte Baldo e l'Alta Vallarsa e Pian delle Fugazze.

 

Pioggia gelata anche nel fondovalle della Val dell'Adige, localizzata in particolare sulla strada statale 12 del Brennero, la strada provinciale 90 Destra Adige e la strada statale 45 bis Gardesana Occidentale. 

 

Sul Bondone sono caduti oltre 30 centimetri di neve e lungo la sp85 da Candriai a Viote si può girare con catene montate, mentre la sp25 tra Garniga Vecchia e Viote è chiusa al transito. In Paganella le precipitazioni si fermano tra 20 e 25 centimetri

 

Nevica ancora in Valle di Non e Sole. Sono caduti tra i 20 centimetri in Bassa Val di Non e circa 50 centimetri in Alta Val di Sole (Tonale). Nonostante la perturbazione, non si registrano particolari problemi per la viabilità, ma in considerazione anche delle basse temperature si raccomanda di viaggiare con attrezzatura invernale: sono stati attivati i posti di presidio a Maso Milano nel Comune di Campodenno e di Presson nel Comune di Dimaro Folgarida. Al momento il servizio gestione strade sconsiglia il transito lungo la strada statale 42 da Fucine a Passo Tonale per autotreni e autoarticolati.

 

In Valle Giudicarie e Val Rendena sono scesi tra i 15 centimetri a Ponte Caffaro ai 40 centimetri di Madonna di Camiglio. In Valle del Chiese e nella zona di Tione piove, mentre nevica sopra i 700 metri. Non si registrano particolari problemi alla viabilità. 

 

Neve anche in riva al lago di Garda, dove sono caduti circa 10-15 centimetri, mentre in quota tra la Valle di Ledro e la Val di Gresta si registrano spessori di neve fresca fino a 30-40 centimetri. Al momento continua a nevicare a quote superiori a 600 metri. Tutte le strade sono transitabili senza particolari criticità, anche la strada provinciale 85 del Bondone è percorribile.

 

In Valle di Fiemme e Fassa qualche disagio lungo il tratto della strada statale 48 delle Dolomiti in località Pausa per autocarro in panne. Sui passi dolomitici sono caduti circa 40-50 centimetri e la strada statale 242 del Passo Sella sul versante lato provincia di Bolzano è chiusa. Nel fondovalle sono scesi circa 10-20 centimetri, mentre in Valle di Cembra si registrano tra i 15 e i 25 centimetri.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato