Contenuto sponsorizzato

Povo, scuola allagata. I bambini costretti a tornare a casa

Sul posto i vigili del fuoco volontari di Povo, l'assessore Italo Gilmozzi, i tecnici e alcuni dirigenti comunali

Pubblicato il - 12 December 2017 - 10:37

TRENTO. Sono alcune centinaia i bambini che questa mattina sono stati fatti ritornare a casa a causa dell'allagamento di una parte  della scuola primaria Umberto Moggioli di Povo.

 

La neve caduta nella giornata di ieri, con l'aumento delle temperature, si sta sciogliendo e sia dal tetto, dalle finestre e dal terrazzo le infiltrazioni hanno reso impraticabile l'edificio scolastico.

Allagamento alla scuola primaria Umberto Moggioli di Povo

Vista la situazione, in mattinata sono stati chiamati i vigili del fuoco volontari di Povo che stanno intervenendo per mettere in sicurezza il sistema elettrico e l'intero 'edificio.

 

Sul posto sono presenti i tecnici e alcuni dirigenti comunali assieme all'assessore Italo Gilmozzi. "Verranno fatte le giuste manutenzioni e già da domani - spiega l'assessore - contiamo di poter riaprire la scuola"

 

Verso le 9 il dirigente scolastico ha comunicato che la scuola era inagibile, solo i bambini delle classi prime, che sono nella succursale accanto, sono in classe regolarmente tutta la giornata, mensa compresa.  

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 February - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 February - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

27 February - 17:44

Dei nuovi positivi, 6 hanno tra 0-2 anni, 11 tra 3-5 anni, 24 tra 6-10 anni, 8 tra 11-13 anni, 19 tra 14-19 anni e 49 di 70 e più anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato