Contenuto sponsorizzato

Assicura l'auto online, i vigili lo fermano e scopre di essere stato truffato

E' successo a Storo. Il sito è  stato segnalato dall’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni

Pubblicato il - 20 dicembre 2018 - 10:33

STORO. Pensavano di aver assicurato la propria auto grazie ad una assicurazione trovata online. Purtroppo, però, sono incappati in una vera e propria truffa.

A scoprire quello che è successo sono stati gli agenti della polizia della Valle del Chiese che si trovavano nel comune di Storo per dei controlli attraverso il Targa System.

Il sistema, nel corso delle verifiche su strada, ha segnalato che un veicolo non era assicurato. Gli agenti hanno quindi chiesto la documentazione al proprietario che ha immediatamente mostrato la polizza. In un primo momento, apparentemente, sembrava valida.

I controlli successivi, però, hanno consentito di accertare che la polizza era invece falsa e che il sito a cui si era rivolto il cittadino, www.prontopolizza.eu, è stato segnalato dall’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS).

Presso la procura della repubblica di Roma è stato inoltre aperto un procedimento contro ignoti.

Gli agenti hanno contattato i numeri presenti sul sito ricevendo rassicurazione sulla validità della polizza. Sul sito internet erano riportati i dati identificativi di un intermediario regolarmente iscritto nel Registro Unico degli Intermediari RUI, il quale ha però dichiarato la propria totale estraneità alle attività.

A seguito delle verifiche espletate, l'istituto di vigilanza ha accertato che l’attività di intermediazione assicurativa svolta attraverso tale sito è irregolare e, conseguentemente, ne ha chiesto l’oscuramento alle Autorità competenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

24 ottobre - 08:12

Complice il manto stradale bagnato la donna ha perso il controllo del mezzo finendo per ribaltarsi. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Dro, i soccorsi sanitari e le forze dell'ordine

23 ottobre - 18:47

I risultati dello studio condotto dagli esperti dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima. I test sono stati condotti su diversi tipi di dispositivi di copertura naso-bocca: la mascherina artigianale, chirurgica, FFP2 o KN95, la visiera e le fasce di stoffa. Nello specifico, la percentuale di CO2 espirata ad essere re-inalata con la visiera è del 3%, mentre il 14% con quella artigianale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato