Contenuto sponsorizzato

Attentati alla rete ferroviaria, sabotate le linee del Brennero e della Valsugana

La rete della Valsugana è stata colpita all'altezza della galleria di Civezzano mentre la linea del Brennero a Sorni di Lavis. Sul posto Carabinieri, Digos e i vigili del fuoco volontari 

Pubblicato il - 11 maggio 2018 - 08:45

TRENTO. Due attentati hanno colpito le linee ferroviarie del Brennero e della Valsugana. Attorno alle 4 di questa mattina un incendio ha colpito le cabine dei posti di blocco automatici dei treni sulla rete ferroviaria all'altezza di Sorni di Lavis e della galleria di Civezzano

 

L'allarme sulla linea Rfi è stato dato attorno alle 4 ed immediatamente è stato interrotto il traffico ferroviario. Un attentato incendiario ha colpito la centralina del sistema di distanziamento dei convogli. Sul posto si sono portati la polizia ferroviaria, la squadra investigazione della Polizia di Stato e i carabinieri. Ad intervenire, con due partenze, anche i Vigili del fuoco volontari di Lavis.

 

Sulla Valsugana, invece, all'altezza della galleria di Civezzano è stato sabotato un sensore paramassi che ha portato anche in questo caso al blocco del traffico ferroviario. Il traffico passeggeri è ancora congestionato. Sono stati attivati degli autobus sostitutivi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 febbraio - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

28 febbraio - 15:55

Il rapporto è doppio rispetto al livello medio nazionale e anche oggi si registrano 329 nuovi casi di cui 80 tra giovani in età scolare. In un giorno messe in quarantena ben 18 classi (venerdì erano 35 ieri 53)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato