Contenuto sponsorizzato

Aveva 700 litri di birra nel furgone: "Vado a festeggiare con qualche amico", 67enne accusato di contrabbando

Un catanese, residente a Bamberg in Germania, è stato fermato in Italia dopo aver superato la barriera del Brennero. La birra è stata sequestrata dai militari

Pubblicato il - 14 March 2018 - 23:18

BOLZANO. "Vado a festeggiare con qualche amico il ritorno a casa", così un catanese per giustificare il possesso di circa 700 litri di birra tra bottiglie e fusti.

 

Il novello 'Barone birra', un uomo di 67 anni, è stato fermato alla guida del furgone con targa tedesca dalla guardia di finanza di Vipiteno dopo l'ingresso in Italia alla barriera autostradale dell'A22.

 

Il catanese, da tempo residente a Bamberg in Germania, voleva celebrare con qualche amico il ritorno in Sicilia, ma non è riuscito a esibire ai militari alcun documento che attestasse l'avvenuto pagamento dell'accisa.

 

L'intera partita di birra è stata così sequestrata e il 67enne denunciato a piede libero per il reato di contrabbando.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 15:17

La denuncia della referente case di riposo, Piersanti: ''La struttura ha solo 10 posti letto accreditati come posti di sollievo a minore intensità assistenziale, gli altri sono sul libero mercato. Quindi solo per i 10 va rispettato il parametro assistenziale con le regole delle Rsa pubbliche''. A Mori si sono negativizzati 6 dei 14 ospiti positivi prima di venerdì

02 December - 16:25

Grande lutto nella comunità trentina e nel ciclismo italiano per la perdita di Moser, capostipite di una famiglia che ha scritto pagine importanti delle due ruote a livello internazionale

02 December - 13:31

L'ordine degli Infermieri ha scritto una lettera al presidente Fugatti e all'assessora Segnana chiedendo interventi concreti "Per mettere nelle condizioni giuridiche e deontologiche di poter continuare a garantire l’assistenza nel miglior interesse del cittadino e per valorizzare le competenze degli infermieri". Anche negli scorsi mesi l'Opi ha scritto alla Provincia sottolineando alcune preoccupazioni. Non è però mai arrivata una risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato