Contenuto sponsorizzato

Cammina lungo i binari e viene travolto da un treno merci. Vittima un 30enne di origine marocchina

L'uomo si trovava in prossimità di via Maso della Pieve a Bolzano quando è stato investito

Pubblicato il - 14 gennaio 2018 - 13:21

BOLZANO. E' finita sui binari in maniera tragica la vita di un giovane di 30 anni immigrato che si trovava nella zona di via Maso della Pieve a Bolzano.

 

L'uomo, proveniente dal Marocco, attorno a mezzanotte stava camminato lungo i binari quando è stato travolto da un treno merci nel capoluogo altoatesino.

 

Sul posto la polizia ferroviaria e il 118, che non hanno potuto che constatare il decesso.

 

Sono state diverse le morti sui binari negli ultimi mesi. Ad inizio di gennaio un uomo di 35 anni di origine georgiana ha perso la vita sulla linea della Venosta e lo scorso ottobre, un'altra persona era stata investita da un treno all'altezza di Mattarello. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 11:48

Padre Massimo ha comunicato nelle scorse ore la decisione di lasciare il convento attraverso una lettera che è stata spedita ai tanti volontari che lavorano quotidianamente alla mensa dei Cappuccini in via delle Laste. Fra Nicola gestirà al momento il convento mentre arriverà un nuovo frate per la mensa dei poveri 

11 luglio - 11:44
L'allerta è scattata intorno alle 8.30 nella parte finale del sentiero attrezzato Camillo De Paoli a quota 2.200 metri nel gruppo delle Pale di San Martino. Gli escursionisti erano partiti dal rifugio Velo della Madonna e lungo il percorso sono stati investiti da una scarica di sassi. In azione le unità del soccorso alpino
11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato