Contenuto sponsorizzato

Centrale unica, in Primiero non funziona, rispondono i carabinieri di Feltre. E i cartelli vengono coperti

La colpa è di alcune celle telefoniche che agganciano l'area. Un problema analogo esiste anche tra Bolzano e Trento. Simonetti: "Stiamo facendo pressioni in sede ministeriale per cambiare la numerazione e risolvere il disagio. Nessuna chiamata e segnalazione viene comunque persa"

Di Luca Andreazza - 16 luglio 2018 - 19:07

PRIMIERO. Dopo oltre un anno dall'attivazione del numero unico di emergenza, alcune zone del Trentino non sono ancora coperte. La colpa? Alcune celle telefoniche.

 

Se si prova a chiamare il numero unico di emergenza nella zona del Primiero, la risposta arriva dai carabinieri di Feltre. "La suddivisione delle celle è datata - conferma l'ingegnere Paolo Simonetti, dirigente della Cue - quindi in questo momento abbiamo un disagio. Abbiamo interessato il ministero competente per le telecomunicazioni che fa capo a quello dello Sviluppo economico".

 

Una situazione che riguarda in particolare la zona del Primiero, un'area che comprende cinque comuni, circa 10 mila abitanti e un buon flusso turistico. Una situazione nota da tempo a livello provinciale, messa in luce anche in diverse interrogazioni, ma per ora senza risultati.

 

"Siamo all'opera per risolvere questa criticità - aggiunge Simonetti - stiamo facendo pressioni e domani mi reco a Roma anche per questo motivo. Al momento nessuna chiamata e segnalazione viene persa. In Veneto il 112 non è ancora attivo e quindi rispondono i carabinieri di Feltre. Certo, purtroppo, si perde un po' di tempo, un percorso tortuoso, in quanto gli agenti bellunesi devono poi inoltrare la richiesta a Trento".

 

Un problema che non riguarda soltanto il confine tra Trentino e Bellunese. "Abbiamo difficoltà analoghe anche sul confine tra Bolzano e Trento. Alcuni Comuni altoatesini - prosegue il dirigente - si agganciano alle celle provinciali. Non è un problema tecnico: le compagnie telefoniche devono cambiare la numerazione e spaccare le celle. Se la linea fissa richiede qualche passaggio in più, la risoluzione di quelle mobili sarebbe più semplice".    

 

Un problema per ora è stato "risolto" oscurando i cartelli informativi del 112 posizionati lungo le strade con dei sacchi neri. "Il dialogo in sede ministeriale è aperto - conclude Simonetti - abbiamo inviato diverse note ufficiali per riuscire a far entrare definitivamente a regime il numero unico, un servizio di fondamentale importanza".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 20:24

Recentemente la Pat ha modificato i criteri dell'isolamento della classe: 2 alunni per il primo ciclo dell'infanzia, 1 studente negli istituti superiori. I pediatri: "Sono decisioni politiche. I minorenni sono spesso asintomatici e pauci-sintomatici e questo è rassicurante dal punto di vista del decorso della malattia, ma comunque c'è un fattore di rischio legato alla contagiosità che poi può arrivare in famiglia"

27 ottobre - 20:09

Tra i nuovi contagiati, 146 persone presentano sintomi, 3 casi sono ricondotti alla fascia d'età 0-5 anni, 15 positivi invece tra 6-15 anni, mentre 30 infezioni riguardano gli over 70 anni. Ci sono inoltre 33 nuovi casi tra bambini e ragazzi in età scolare

27 ottobre - 20:00

Il presidente Conte ha fatto il punto sul suo dpcm e sul nuovo decreto che accompagna le misure restrittive con molte risorse economiche di sostegno per chi è costretto a ridurre o chiudere la propria attività. Gualtieri: ''Abbiamo scelto le modalità più rapide di ristoro. Il contributo a fondo perduto sarà erogato automaticamente alle oltre 300.000 aziende che lo avevano avuto in precedenza e quindi contiamo per metà di novembre di aver fatto tutti i bonifici''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato