Contenuto sponsorizzato

Copia il progetto di ricerca per partecipare ad un concorso di dottorato, 31enne condannato

Il ricercatore voleva partecipare ad un concorso di dottorato alla Facoltà di Scienze cognitive. La commissione esaminatrice ha capito in pochissimo tempo che il progetto di ricerca del ragazzo era stato copiato

Pubblicato il - 31 luglio 2018 - 08:39

TRENTO. Aveva copiato il progetto di ricerca per partecipare poi ad un concorso pensando di farla franca. Così, però, non è stato per un ricercatore di 31 anni che aveva presentato il proprio progetto per il dottorato alla Facoltà di Scienze cognitive.

 

Il ragazzo è stato condannato ad un mese e 10 giorni di reclusione oltre al pagamento delle spese processuali.

 

Nel partecipare al dottorato che gli interessava, il 31enne, infatti, aveva inviato alla commissione tutta la documentazione che serviva. Tra i tanti documenti anche quello principale, il progetto di ricerca. Arrivata sul tavolo dei commissari, subito si sono accorti che qualcosa non andava. Il testo presentato dal ragazzo era infatti copiato, per quasi la totalità, da altri progetti di ricerca e altre pubblicazioni scientifiche omettendone la citazione.

 

Ecco allora che non solo la commissione ha dichiarato inammissibile il lavoro dando un voto pari a zero ma l'Università ha anche segnalato la questione alle autorità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato