Contenuto sponsorizzato

Formazione all'estero per studenti e docenti. Terzo e quarto anno in Paesi Ue e extra-Ue e corsi di lingua per insegnanti

300 gli educatori e insegnanti coinvolti e uno stanziamento di 500 mila euro. Per l'anno all'estero saranno selezionate 60 domande per l'Europa e 40 per il resto del mondo, più di 700 mila euro stanziati dalla Provincia

Pubblicato il - 02 marzo 2018 - 20:45

TRENTO. Per gli studenti e gli insegnanti che intendono ampliare i propri confini geografici, culturali e linguistici, la Provincia ha stanziato un bel po' di soldi. Sono infatti 400 mila euro per i primi e 500 mila per i secondi

 

Per gli insegnanti è stato approvato il programma di mobilità di circa 300 fra educatori in servizio nei nidi, nelle scuole dell’infanzia e nelle istituzioni scolastiche e formative della provincia di Trento. L’iniziativa ha lo scopo di favorire e incentivare il miglioramento delle competenze linguistiche degli insegnanti e rientra tra gli interventi del piano Trentino Trilingue.

 

Per l’ammissione al programma è richiesta una competenza linguistica almeno pari al livello A2. Le iscrizioni sono aperte dalle ore 13.00 del 7 marzo 2018 alle ore 13.00 del 23 marzo 2018 registrandosi, compilando e confermando on line la domanda sul sito fse.provincia.tn.it e presentandola entro le ore 17.30 del 23 marzo 2018. 

 

L'insegnante ammesso al programma di mobilità dovrà frequentare un percorso di lingua straniera della durata di 2, 3 o 4 settimane sulla base del livello di conoscenza linguistica in ingresso che sarà testato direttamente dall'ente formatore estero.

 

I Paesi ospitanti per la lingua tedesca saranno l'Austria e la Germania, mentre per la lingua inglese Regno Unito e Irlanda.

 

Per gli studenti che invece vorranno fare il 3° o il 4° anno all'estero, sono previsti dei voucher per soggiorni studio in Paesi dell'Unione europea. Lo stanziamento di 400 mila euro è destinato a 60 studenti.

 

Sono invece 314.000 euro le risorse stanziate e finanziate interamente dalla Provincia autonoma di Trento, per 40 studenti che accederanno al terzo e quarto anno in Paesi extra-Ue.

 

Sono ammessi all’iniziativa gli studenti che frequentano le classi seconda o terza del secondo ciclo di istruzione in istituti scolastici italiani, che hanno un’età non superiore ai 20 anni, residenti o domiciliati in Trentino, che risultino promossi con al massimo un debito formativo da recuperare entro 15 giorni dall'approvazione della graduatoria delle domande ammesse e che non abbiano un Icef familiare superiore a 0.59.

Il percorso d’istruzione all’estero deve essere svolto presso un’istituzione scolastica con sede in un Paese dell’Unione Europea. Per l’organizzazione del percorso scolastico lo studente può adottare modalità libere e la durata del percorso d’istruzione può essere annuale (minimo 240 giorni) o parziale (minimo 110 giorni).

Anche in questo caso la domanda di adesione all’iniziativa deve essere presentata dalle ore 9.00 di mercoledì 7 marzo 2018 fino alle ore 13.00 di venerdì 6 aprile 2018. La graduatoria delle domande ammesse sarà pubblicata sui siti www.vivoscuola.it e fse.provincia.tn.it.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato