Contenuto sponsorizzato

Formazione all'estero per studenti e docenti. Terzo e quarto anno in Paesi Ue e extra-Ue e corsi di lingua per insegnanti

300 gli educatori e insegnanti coinvolti e uno stanziamento di 500 mila euro. Per l'anno all'estero saranno selezionate 60 domande per l'Europa e 40 per il resto del mondo, più di 700 mila euro stanziati dalla Provincia

Pubblicato il - 02 marzo 2018 - 20:45

TRENTO. Per gli studenti e gli insegnanti che intendono ampliare i propri confini geografici, culturali e linguistici, la Provincia ha stanziato un bel po' di soldi. Sono infatti 400 mila euro per i primi e 500 mila per i secondi

 

Per gli insegnanti è stato approvato il programma di mobilità di circa 300 fra educatori in servizio nei nidi, nelle scuole dell’infanzia e nelle istituzioni scolastiche e formative della provincia di Trento. L’iniziativa ha lo scopo di favorire e incentivare il miglioramento delle competenze linguistiche degli insegnanti e rientra tra gli interventi del piano Trentino Trilingue.

 

Per l’ammissione al programma è richiesta una competenza linguistica almeno pari al livello A2. Le iscrizioni sono aperte dalle ore 13.00 del 7 marzo 2018 alle ore 13.00 del 23 marzo 2018 registrandosi, compilando e confermando on line la domanda sul sito fse.provincia.tn.it e presentandola entro le ore 17.30 del 23 marzo 2018. 

 

L'insegnante ammesso al programma di mobilità dovrà frequentare un percorso di lingua straniera della durata di 2, 3 o 4 settimane sulla base del livello di conoscenza linguistica in ingresso che sarà testato direttamente dall'ente formatore estero.

 

I Paesi ospitanti per la lingua tedesca saranno l'Austria e la Germania, mentre per la lingua inglese Regno Unito e Irlanda.

 

Per gli studenti che invece vorranno fare il 3° o il 4° anno all'estero, sono previsti dei voucher per soggiorni studio in Paesi dell'Unione europea. Lo stanziamento di 400 mila euro è destinato a 60 studenti.

 

Sono invece 314.000 euro le risorse stanziate e finanziate interamente dalla Provincia autonoma di Trento, per 40 studenti che accederanno al terzo e quarto anno in Paesi extra-Ue.

 

Sono ammessi all’iniziativa gli studenti che frequentano le classi seconda o terza del secondo ciclo di istruzione in istituti scolastici italiani, che hanno un’età non superiore ai 20 anni, residenti o domiciliati in Trentino, che risultino promossi con al massimo un debito formativo da recuperare entro 15 giorni dall'approvazione della graduatoria delle domande ammesse e che non abbiano un Icef familiare superiore a 0.59.

Il percorso d’istruzione all’estero deve essere svolto presso un’istituzione scolastica con sede in un Paese dell’Unione Europea. Per l’organizzazione del percorso scolastico lo studente può adottare modalità libere e la durata del percorso d’istruzione può essere annuale (minimo 240 giorni) o parziale (minimo 110 giorni).

Anche in questo caso la domanda di adesione all’iniziativa deve essere presentata dalle ore 9.00 di mercoledì 7 marzo 2018 fino alle ore 13.00 di venerdì 6 aprile 2018. La graduatoria delle domande ammesse sarà pubblicata sui siti www.vivoscuola.it e fse.provincia.tn.it.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 10:19

Mentre a Bolzano si riparte oggi con i negozi aperti ad orario completo dopo due mesi di chiusura per il lockdown dando spinta all'economia, a Trento entra in vigore la legge di Failoni e Fugatti che stabilisce la chiusura dei punti vendita. 
E' scontro con il Comune, l'assessore Stanchina: "Ancora una volta una confusione terribile e danni economici per la città. L'Amministrazione farà di tutto per tutelare i propri commercianti"

05 luglio - 10:50

Nei normali reparti dei sette ospedali dell'Azienda sanitaria, nelle cliniche private e nella base logistica dell'Esercito appositamente attrezzata a Colle Isarco sono ricoverati complessivamente 5 pazienti affetti da Covid-19. Sono 6 le persone ospitate come casi sospetti 

05 luglio - 06:01

I numeri sembrano bocciare l'operazione ragionieristica dell'assessore nel criterio selezionato per licenziare il ddl commercio, quello delle chiusure domenicali e festive di supermercati e negozi. L'unica a salvarsi sarebbe Venezia ma solo perché ha pochi residenti. Nemmeno le grandi capitali europee come Londra e Berlino rientrerebbero nella lista di Failoni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato