Contenuto sponsorizzato

Forze dell'ordine corrotte 'vendevano' informazioni sensibili alle agenzie investigative private

Nove gli arresti, tra cui il titolare dell'Agenzia Del Marco. Le accuse sono corruzione, istigazione alla corruzione e accesso abusivo in sistemi informatici protetti. Coinvolte forze dell'ordine di Roma, Bolzano e Foggia

Pubblicato il - 14 settembre 2018 - 11:25

TRENTO. Nove arresti, di cui otto già eseguiti con la disposizione della misura cautelare dei domiciliari, hanno colpito anche alcuni appartenenti alle Forze dell'ordine. Corruzione, istigazione alla corruzione, accesso abusivo in sistemi informatici, questi i reati ipotizzati dalla Procura della Repubblica di Trento.

 

I Carabinieri hanno scoperto infatti un 'traffico di informazioni' che dall'interno dei registri telematici in dotazione alle forze di polizia passavano a investigatori privati che le usavano per favorire i propri clienti all'interno delle cause penali e civili riguardanti soprattutto separazioni e divorzi ma anche processi per maltrattamenti.

 

Tra le persone arrestate anche il titolare e alcuni collaboratori dell'agenzia Del Marco, con sede a Bolzano e Trento, e dell'agenzia Matrix di Verona. Il primo, ex appartenente alle forze dell'ordine, attraverso alcuni contatti di ex colleghi riusciva ad ottenere, in cambio di somme di denaro, alcune informazioni sensibili ricavate dalle banche dati della Polizia. 

 

 

 

 

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 novembre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 novembre - 13:45

Sabato a Tenno sarà posizionata la stele. I genitori oggi a "Mattino Insieme": ''E' importante perché ricorda Alba Chiara in quanto vittima di femminicidio''

21 novembre - 14:25

L'ex primo cittadino lascia dopo quattro anni e mezzo. Eletto nel 2014, rassegna le dimissioni: "Al posto del logorio improduttivo di un consiglio comunale in conflitto perenne preferisco le dimissioni proprio perché quelle decisioni possano venir prese nell’interesse comune dei cittadini"

21 novembre - 14:13

Già presidente dei cacciatori ''Capannisti'' e segretario amministrativo del carroccio il neo consigliere è stato nominato a maggioranza assoluta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato