Contenuto sponsorizzato

Forze dell'ordine corrotte 'vendevano' informazioni sensibili alle agenzie investigative private

Nove gli arresti, tra cui il titolare dell'Agenzia Del Marco. Le accuse sono corruzione, istigazione alla corruzione e accesso abusivo in sistemi informatici protetti. Coinvolte forze dell'ordine di Roma, Bolzano e Foggia

Pubblicato il - 14 settembre 2018 - 11:25

TRENTO. Nove arresti, di cui otto già eseguiti con la disposizione della misura cautelare dei domiciliari, hanno colpito anche alcuni appartenenti alle Forze dell'ordine. Corruzione, istigazione alla corruzione, accesso abusivo in sistemi informatici, questi i reati ipotizzati dalla Procura della Repubblica di Trento.

 

I Carabinieri hanno scoperto infatti un 'traffico di informazioni' che dall'interno dei registri telematici in dotazione alle forze di polizia passavano a investigatori privati che le usavano per favorire i propri clienti all'interno delle cause penali e civili riguardanti soprattutto separazioni e divorzi ma anche processi per maltrattamenti.

 

Tra le persone arrestate anche il titolare e alcuni collaboratori dell'agenzia Del Marco, con sede a Bolzano e Trento, e dell'agenzia Matrix di Verona. Il primo, ex appartenente alle forze dell'ordine, attraverso alcuni contatti di ex colleghi riusciva ad ottenere, in cambio di somme di denaro, alcune informazioni sensibili ricavate dalle banche dati della Polizia. 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

13 novembre - 12:49

I disagi provocati dalle precipitazioni nevose di questa notte sono diffusi su tutto il territorio provinciale. La possibile caduta di alberi e il pericolo valanghe ha portato alla chiusura di alcuni passi e tratti di strade provinciali. In Tonale la neve caduta ha raggiunto i 70 centimetri. Abbondanti fiocchi sono scesi in tutte le vallate del Trentino

13 novembre - 05:01

Massimo Kunle D'Accordi, giurista, ricercatore e consulente in materia di immigrazione è un profondo conoscitore della mafia nigeriana. Sua una delle ricerche più importanti sul fenomeno. Fondamentale l'attenzione messa dalle forze dell'ordine. "Sul piano locale - spiega - la penetrazione e il radicamento delle organizzazioni mafiose nigeriane dipenderà anche dalle azioni, sul piano sociale e della conoscenza, che il Trentino saprà attuare per fronteggiare il fenomeno"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato