Contenuto sponsorizzato

Forze dell'ordine corrotte 'vendevano' informazioni sensibili alle agenzie investigative private

Nove gli arresti, tra cui il titolare dell'Agenzia Del Marco. Le accuse sono corruzione, istigazione alla corruzione e accesso abusivo in sistemi informatici protetti. Coinvolte forze dell'ordine di Roma, Bolzano e Foggia

Pubblicato il - 14 settembre 2018 - 11:25

TRENTO. Nove arresti, di cui otto già eseguiti con la disposizione della misura cautelare dei domiciliari, hanno colpito anche alcuni appartenenti alle Forze dell'ordine. Corruzione, istigazione alla corruzione, accesso abusivo in sistemi informatici, questi i reati ipotizzati dalla Procura della Repubblica di Trento.

 

I Carabinieri hanno scoperto infatti un 'traffico di informazioni' che dall'interno dei registri telematici in dotazione alle forze di polizia passavano a investigatori privati che le usavano per favorire i propri clienti all'interno delle cause penali e civili riguardanti soprattutto separazioni e divorzi ma anche processi per maltrattamenti.

 

Tra le persone arrestate anche il titolare e alcuni collaboratori dell'agenzia Del Marco, con sede a Bolzano e Trento, e dell'agenzia Matrix di Verona. Il primo, ex appartenente alle forze dell'ordine, attraverso alcuni contatti di ex colleghi riusciva ad ottenere, in cambio di somme di denaro, alcune informazioni sensibili ricavate dalle banche dati della Polizia. 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 13:20

Sorprendono positivamente i rilevamenti nelle acque venete con un solo punto inquinato. Male la Lombardia, su cinque punti monitorati due sono risultati fortemente inquinati. Promossi invece a pieni voti il lago d’Iseo e quello di Santa Croce in provincia di Belluno

16 luglio - 06:01

Ormai il caso è noto. E' un'escalation di reazioni dopo che M49 è stato catturato, ma è riuscito a fuggire. Brambilla: "Corri e salvati M49 e grazie per aver dimostrato con la tua fuga, una volta di più, l’imperizia e il dilettantismo di chi ha dichiarato guerra a te, ma anche a tutti i tuoi simili". Ciampolillo: "Un atto violento e illegittimo contro il mondo degli animali"

16 luglio - 08:50

La padrona si è vista entrare in casa il povero gatto dolorante. Il veterinario nel referto ha certificato che il ferimento dell’animale è stato causato da un colpo sparato presumibilmente da una carabina. La perquisizione domiciliare ha permesso di ritrovare l'arma 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato