Contenuto sponsorizzato

Gazebo di Forza Nuova a Trento: ''Pronti a candidarci alle provinciali''. Il centro sociale in piazza Battisti: ''Serve tornare a praticare l'antifascismo''

Nessun contatto tra i due raggruppamenti. La manifestazione antifascista è proseguita fino alle 13. Castellini (Fn): "Torneremo a Trento ogni mese". Rigotti (Centro sociale Bruno) "Ci saremo sempre anche noi"

Di G.Fin - 21 aprile 2018 - 13:29

TRENTO. Tantissime forze dell'ordine e via San Pietro blindata questa mattina per il gazebo di Forza Nuova che ha visto l'arrivo a Trento anche di Luca Castellini. Il coordinatore del nord Italia, assieme ad alcuni militanti, ha annunciato l'intenzione del movimento di estrema destra di presentarsi alle prossime elezioni provinciali di ottobre in maniera autonoma ma senza escludere un possibile accordo con la Lega di Matteo Salvini. “L'intenzione nostra – ha spiegato Castellini – è quella di fare una lista, andare da soli al di fuori dal centro destra. Vediamo se la Lega riesce a tenere duro su posizioni che portiamo avanti noi da tempo, in questo caso cambierebbe lo spettro politico nazionale”.

Come già successo in passato a non mancare all'appuntamento sono stati i rappresentanti del Centro Sociale Bruno e del Sindaco di base multi-categoriale che hanno promosso in piazza Cesare Battisti, a pochi metri di distanza dal gazebo di Forza Nuova, una manifestazione antifascista alla quale hanno aderito l'Altra Trento e alcune altre realtà.

 

Alle 9 in punto i militanti di Forza Nuova sono arrivati in via San Pietro, già presidiata dalle forze dell'ordine, per l'installazione del gazebo per il tesseramento ed iniziare il volantinaggio. Dopo qualche ora in piazza Italia è iniziata la manifestazione degli antifascisti con tanto di slogan e due striscioni con le scritte “Trento Antifascista” e “Fuori i fascisti dalle città”.

 

A separare i due raggruppamenti, la galleria dei Legionari e le Forze dell'ordine che non hanno permesso alcun genere di contatto ed evitato momenti di tensione.

Gazebo di Forza Nuova a Trento e manifestazione antifascista

“Trento è una città particolare – ha spiegato Castellini - ma noi ci siamo e raccogliamo consenti. Con costanza ogni mese verremo a Trento. Le contestazioni non ci preoccupano perchè sono fuori dal contesto politico che stiamo vivendo ora in Italia. Oggi il vento soffia verso le posizioni forzanoviste che vanno dall'anti-immigrazione, la sovranità monetaria alla famiglia naturali. Chi ci contesta è tagliato fuori”.

 

Sono circa un centinaio, tra Trento e Bolzano, gli iscritti a Forza Nuova. “Siamo in crescita – spiega il coordinatore del nord Italia – grazie anche alla continua attività che facciamo in strada con le passeggiate della sicurezza e il controllo del territorio”.

 

Siamo tutti antifascisti” è invece lo slogan che si è sentito scandire in piazza Cesare Battisti dove il Centro Sociale Bruno è arrivato poco prima delle 11. “Siamo qui – ha spiegato Filippo Rigotti - perché quello che doveva essere un gazebo di tesseramento del partito nazifascista di Forza Nuova in realtà è un vero e proprio comizio in quanto sono venuti in molti da altre zone d'Italia. Vengono concesse piazze e luoghi pubblici e la possibilità di propagandare le loro idee di odio. Questa è una cosa grave ancora di più se ora arrivano anche ad organizzare un comizio di portata interregionale”.

Se da un lato Forza Nuova ha già annunciato la propria presenza in città ogni mese, dall'altro all'appuntamento di sicuro non mancheranno i rappresentanti del Bruno. “Ogni volta che loro ci saranno anche noi non mancheremo. Siamo a pochi giorni dal 25 aprile e pensiamo che in questo momento sia quanto mai importante ricominciare a praticare un antifascismo diverso che non si fermi solo alla commemorazioni . Ancora oggi sono troppi i rigurgiti fascisti di alcuni partiti e movimenti. Se le istituzioni sono assenti ci penseremo noi a ostacolarli”.

 

Poco prima di mezzogiorno i militanti di Forza Nuova hanno deciso di terminare il gazebo e andarsene. La manifestazione antifascista è proseguita in piazza Cesare Battisti fino a poco prima delle 13 per poi snodarsi per le vie del centro storico e disperdersi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 10:01

E' stato approvato ieri sera il documento presentato dai capogruppo di maggioranza a palazzo Thun. Accolte le richieste anche di Onda Civica. Pattini: "Abbiamo cercato la più ampia intesa tra le forze politiche. Il centrodestra ha abbandonato l'aula''. Alla fine la votazione ha portato all'approvazione della mozione con 21 voti favorevoli su 21 presenti 

16 luglio - 12:29

Questo progetto "Pane & Panettieri d’Italia", realizzata in collaborazione con "Così com’è", è stato avviato a settembre scorso per raccontare il punto di arrivo e di ripresa di una rivoluzione iniziata circa 10 anni fa per il lavoro attento dei panificatori. Sono circa 20 mila i panifici presenti in Italia e sono appena 350 quelli selezioni. Il panificio Moderno è l'unica realtà a rappresentare il Trentino Alto Adige

16 luglio - 11:04
L'allerta è scattata intorno alle 10 di oggi, giovedì 16 luglio, lungo la strada statale 12 in località Cadino sul territorio di Faedo, frazione di San Michele all'Adige. L'incidente è avvenuto all'altezza del semaforo in zona del ristorante pizzeria. In azione ambulanze, vigili del fuoco di zona e polizia locale
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato