Contenuto sponsorizzato

Il maltempo ha cancellato un altro gioiello delle Dolomiti: distrutta la gola dei Serrai di Sottoguda

Dopo la distruzione di Arte Sella, un'altra bellezza delle Dolomiti è stata praticamente cancellata dal maltempo. Il canyon ai piedi della Marmolada è stato spazzato via dal vento e dalla forte pioggia 

Di G.Fin - 04 novembre 2018 - 12:37

BELLUNO. I Serrai di Sottoguda devastati (clicca sull'immagine sopra per vedere il video). Lo spettacolare canyon ai piedi della Marmolada è andato completamente distrutto. La furia del maltempo ha portato via la strada e i ponti.

L’asfalto è stato subito spazzato via e le condutture sotterranee sono ormai visibili in superficie.

 

Ricoperto di fango e  danni ingenti anche per il paese  Rocca Pietore, uno dei "Borghi più Belli d'Italia" e che ora si trova ad affrontare, invece, una delle situazioni più drammatiche anche dal punto di vista ambientale.

La tempesta di vento e pioggia che nei giorni scorsi si è abbattuta sulle Dolomiti non ha risparmiato nemmeno il parco Arte Sella dove sono stati registrati ingenti i danni e opere completamente distrutte (qui l'articolo)

La furia di vento e pioggia si scatena ad Arte Sella

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:29

Mentre il presidente della Regione Kompatscher lavora per portare la concessione dell'autostrada nelle mani solo degli enti pubblici, da parte della giunta provinciale trentina la sensazione è che si stia remando in direzione contraria. L'ex presidente Ugo Rossi: "Fugatti ostacola la comunanza di visione tra le province. Vuole fare gli interessi dei veneti. Così rischiamo di andare alla gara"

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 18:30

Dopo il mancato apparentamento il sindaco uscente Betta chiede il sostegno degli ambientalisti: “Su molti punti siamo vicini, Parisi potrebbe essere la garante di un accordo programmatico, mi sento di tendere la mano alla coalizione ambientalista e sono pronto ad accogliere alcuni esponenti all’interno della Giunta”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato