Contenuto sponsorizzato

Maltempo, è terminata la perturbazione peggiore dal 1966. Domani i funerali di Michela Ramponi

Meteotrentino ha certificato che nei prossimi giorni potranno esserci ancora dei piovaschi ma il peggio è passato. Il cordoglio di Rossi e Fugatti per la vittima di Dimaro

Pubblicato il - 30 ottobre 2018 - 16:14

TRENTO. Il peggio è passato. Lo conferma Meteotrentino che atteso il tempo necessario e analizzati i dati e i report delle ultime ore ha stabilito che la più forte perturbazione dal novembre del 1966 (quella che provocò lo straripamento dell'Adige e l'allagamento di Trento) è terminata. 

 

''La fase più intensa della perturbazione che ha colpito la provincia negli ultimi giorni - spiega Meteotrentino - è terminata la scorsa notte. Sono ancora possibili delle precipitazioni residue, a livello locale. Da stasera fino a tutto mercoledì è previsto tempo asciutto, mentre giovedì ci saranno delle piogge di lieve intensità''.

 

Intanto arriva il cordoglio della Provincia tramite l'ex presidente Ugo Rossi e il presidente eletto Maurizio Fugatti per la morte di Michela Ramponi (i cui funerali si terranno domani alle 15 nella chiesa di Dimaro con l'arcivescovo Lauro a presiedere la liturgia funebre) rimasta uccisa dalla terribile frana di Dimaro questa notte. "La calamità che ha investito tutta la nostra provincia purtroppo è di portata straordinaria. Posso solo esprimere senso di solidarietà e di vicinanza alla famiglia e anche a tutte le altre famiglie che in Trentino in questo momento stanno soffrendo e sono preoccupate". Questo il cordoglio espresso da Ugo Rossi. Rossi ha voluto anche rivolgere un plauso e un ringraziamento "a tutti coloro che stanno lavorando duramente da questa notte e che lo faranno per tutta la giornata. Ci vorranno diversi giorni per ripristinare la normalità, ma con il lavoro e con l'impegno come sempre il Trentino riesce a superare le difficoltà", ha detto.

 

Anche il nuovo presidente eletto Maurizio Fugatti sta seguendo le operazioni di intervento messe in atto dalla Protezione Civile e si tiene costantemente aggiornato sulla situazione del territorio. "Esprimo a nome mio personale, come rappresentante delle istituzioni, la più totale solidarietà e vicinanza alla famiglia colpita dal grave lutto e rinnovo il sostegno alle squadre di professionisti e volontari che da molte ore sono instancabilmente impegnati nel difficile lavoro di soccorso e ripristino delle zone colpite".

 

A queste testimonianze si unisce anche l'assessore provinciale alla protezione civile Tiziano Mellarini che stamani dalla Sala Operativa riunita nella sede del corpo dei Vigili del Fuoco permanenti di Trento ha voluto sottolineare la dura prova che questi eventi hanno imposto al Trentino: "Ma la straordinaria professionalità e umanità degli uomini e delle donne della nostra Protezione Civile, in tutte le sue componenti", ha detto, "sta permettendo di fare fronte all'emergenza in modo davvero egregio".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 15:17

E mentre la colonnina di mercurio è salita, un iceberg di 300 chilometri quadrati, paragonabile alle dimensioni di Malta, si è staccato dal ghiacciaio Pine Island. E mentre anche in Trentino si decide di investire milioni di euro su impianti anche sotto i 1.000 metri come a Bolbeno il noto climatologo spiega: ''La neve c'è oltre i 2 mila metri, mentre più in basso i paesaggi sono primaverili. Gli investimenti non dovrebbero più andare solo sullo sci''

18 febbraio - 15:03

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di S. Lorenzo. La persone che si trovava alla guida del mezzo ha perso il controllo fine fuori strada 

18 febbraio - 12:38

La donna è stata assistita dall’avvocato trentino Schuster: “Al di là della tutela della cliente, era importante porre fine a tesi isolate che pretendevano di applicare automatismi e ora la Cassazione ha fatto chiarezza. Ma la piena dignità delle persone trans è ancora un traguardo lontano”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato