Contenuto sponsorizzato

Muore il gatto e il proprietario inizia a insultare l'allevatrice sul web. Ora dovrà rispondere di diffamazione

Il 35enne di fuori provincia ha iniziato a insultare l'allevatrice su Facebook. Il gatto è morto dopo aver contratto una peritonite infettiva felina

Pubblicato il - 12 dicembre 2018 - 10:38

TRENTO. Aveva acquistato in Trentino un micio di razza Devon Rex da un allevamento specializzato. Dopo un mese, però, l'animale si è ammalato ed è morto. Il proprietario ha iniziato a prendersela con l'allevamento trentino utilizzando anche i social.

Protagonista della vicenda è un 35enne di fuori provincia che ora dovrà rispondere dell'accusa di diffamazione davanti al giudice.

 

La vicenda è iniziata lo scorso anno quando l'uomo si è affidato ad un allevamento felino trentino molto conosciuto anche a livello nazionale e attento alle regole sanitarie. Il gattino, di razza Devon Rex, è stato pagato circa 900 euro con tanto di firma di contratto. A distanza di qualche tempo, però, il micio si è ammalato di peritonite infettiva felina ed è successivamente morto.

 

Il proprietario, insoddisfatto della situazione, ha iniziato a contattare il venditore del gatto su diverse piattaforme a partire da Facebook e WhatsApp scrivendo accuse infamanti e dirette che anche sulla pagina facebook. La titolare, vista la situazione, ha deciso di rivolgersi ad un avvocato. L'uomo ora dovrà rispondere di diffamazione in tribunale.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 giugno - 20:29

Il decesso è avvenuto a Campitello di Fassa, un lutto che ha scosso la comunità. Ci sono 5.438 casi e 468 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 611 per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,16%

04 giugno - 19:59

La motivazione usata dal presidente per i market è che le persone ormai si sarebbero disabituate a fare la spesa la domenica. Ma se il tema è certamente affrontabile (anche i sindacati chiedono le chiusure) richiede analisi e spiegazioni un po' più approfondite perché avrà ricadute in termini economici, occupazionali e di qualità dei servizi. Sulle mascherine per ora resta l'obbligo

04 giugno - 19:07
Complessivamente ci sono 5.438 casi e 468 morti legati a Covid-19 da inizio epidemia. I tamponi analizzati sono stati 611 per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,16%
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato