Contenuto sponsorizzato

Protonterapia e pediatria, firmato un accordo con l'ospedale Mayer di Firenze per la cura dei piccoli pazienti malati di tumore

Il documento sottoscritto oggi dal direttore generale dell’Apss Paolo Bordon e dal direttore generale dell’Aou Meyer Alberto Zanobini individua il Centro di Protonterapia di Trento come riferimento per la cura dei tumori attraverso l’utilizzo dei protoni

Pubblicato il - 20 aprile 2018 - 19:37

TRENTO. Il Centro di Protonterapia sarà usato anche dai piccoli pazienti del Mayer di Firenze, l'ospedale universitario che cura bambini oncologici. A Firenze è stato firmata la convenzione con l'Azienda sanitaria trentina che nell’ambito dell’assistenza medica ai pazienti oncologici pediatrici.

 

Il documento sottoscritto oggi dal direttore generale dell’Apss Paolo Bordon e dal direttore generale dell’Aou Meyer Alberto Zanobini individua il Centro di Protonterapia di Trento come riferimento per la cura dei tumori attraverso l’utilizzo dei protoni.

 

"L’accordo firmato oggi - afferma soddisfatto Bordon - sancisce un’importante collaborazione in ambito oncologico pediatrico con l’ospedale Meyer, prevedendo percorsi dedicati per i piccoli pazienti che ci saranno inviati. La convenzione stabilisce inoltre lo sviluppo di programmi di ricerca congiunti in ambito oncologico pediatrico con il coinvolgimento della radioterapia dell’Azienda ospedaliero universitaria Careggi di Firenze".

 

"Questo importante accordo – prosegue Bordon – riconosce al Centro di Trento un ruolo importante e di riferimento nella cura dei tumori pediatrici e si inserisce nel quadro delle azioni che Apss sta portano avanti con l’obiettivo di aprire il nostro Centro ai pazienti non solo di altre regioni italiane ma anche di altri paesi europei ed extraeuropei".

 

La collaborazione si estenderà anche su un progetto di ricerca che coinvolgerà la Neuro-oncologia del Meyer per testare l’effetto biologico della protonterapia e verificarne l’efficacia in combinazione con agenti chemioterapici e con il trattamento neuro-chirurgico, quando possibile, nei tumori cerebrali dell’età pediatrica.

 

"E' un passaggio importante - afferma l'assessore Luca Zeni - che formalizza una collaborazione proficua già in essere tra il centro di Trento e l’ospedale Meyer e consentirà di semplificare le procedure di accesso alle cure con i protoni per i pazienti pediatrici".

 

"Dobbiamo proseguire su questa strada e continuare ad investire nella costruzione di una rete di relazioni con i diversi centri ospedalieri italiani, le Regioni e i paesi esteri. Si tratta – ha concluso l’assessore – di rapporti importanti che ci consentono da un lato di mettere a disposizione una tecnologia sofisticata e innovativa per la cura dei tumori unica nel suo genere in Italia e, dall'altro, di incrementare sensibilmente l’operatività del centro, in attesa dei decreti relativi alle tariffe".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 10:19

Mentre a Bolzano si riparte oggi con i negozi aperti ad orario completo dopo due mesi di chiusura per il lockdown dando spinta all'economia, a Trento entra in vigore la legge di Failoni e Fugatti che stabilisce la chiusura dei punti vendita. 
E' scontro con il Comune, l'assessore Stanchina: "Ancora una volta una confusione terribile e danni economici per la città. L'Amministrazione farà di tutto per tutelare i propri commercianti"

05 luglio - 12:54

Il presidente della Pat denunciato dagli animalisti che chiedono anche il sequestro dell’orsa: “Ogni anno il Trentino crea problemi con la gestione degli orsi sul suo territorio e almeno un plantigrado ne paga le conseguenze, la guerra ai grandi carnivori deve finire”

05 luglio - 11:13

Le immagini sono al vaglio della polizia locale: una volta identificato, l’autore, dovrà rispondere di “furto aggravato su cose esposte alla pubblica fede” e “vilipendio di tombe”. L’anno scorso due donne erano state denunciate per gli stessi reati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato