Contenuto sponsorizzato

Rimane schiacciato dalla sua auto con le batterie scariche, cercava di riavviarla a spinta

E' successo a Comano Terme poco prima di mezzogiorno. L'uomo è rimasto bloccato con la gamba sotto le ruote. Vigili del fuoco e elisoccorso sul posto

Pubblicato il - 19 agosto 2018 - 13:46

COMANO TERME. La macchina si trovava sui prati vicino alla casetta di montagna in località Poia di Comano. La batteria era scarica e poco prima di mezzogiorno il proprietario ha cercato di riavviarla spingendola un po' l'automobile per poi salire di corsa alla guida e ingranare la marcia.

 

Ma la manovra è andata storta. Scivolando, è finito arrotato, con la gamba schiacciata dagli pneumatici dell'utilitaria. La Centrale unica di Emergenza ha inviato sul posto i Vigili del Fuoco, raggiunti dall'elicottero del 118 partito dall'aeroporto di Mattarello. 

 

I sanitari sono atterrati poco distanti, vicino alla cooperativa del paese, e trasportati sul posto dai pompieri. Soccorso immediatamente e stabilizzato, il ferito è stato trasportato all'ospedale Santa Chiara dove i medici provvederanno a valutare l'entità dello schiacciamento per poi somministrare le cure necessarie. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato