Contenuto sponsorizzato

Servizio civile, la carica dei mille giovani che ha colto l'opportunità. Pronto il nuovo bando

C'è tempo fino al 15 luglio per aderire: 136 i posti a disposizione, 69 i progetti aperti.  Il Servizio civile è rivolto a tutti i ragazzi dai 18 ai 28 anni che hanno voglia di mettersi in gioco, vivere un esperienza di crescita formativa e personale e avvicinarsi al mondo del lavoro

 

 

Pubblicato il - 07 luglio 2018 - 10:19

TRENTO. Quando quattro anni fa è nato il nuovo Servizio civile universale provinciale (SCUP) l'obiettivo dichiarato era quello di allargare la partecipazione, semplificare le procedure, facilitare lo svolgimento del servizio civile, inteso non come teorico diritto ma come effettiva opportunità offerta a tutti i giovani di età compresa tra 18 e 28 anni

 

A distanza di 4 anni si può dire: obiettivo raggiunto. Dal 1° aprile 2015 al 1° giugno 2018, infatti, dal Servizio civile universale provinciale sono passati mille giovani. Questo dato è stato fornito durante la conferenza stampa tenuta dall'assessora Sara Ferrari e dal direttore dell’Ufficio servizio civile Giampiero Girardi.

 

Per l'occasione Alice Molinari, la millesima iscritta al Servizio civile, ha raccontato la sua esperienza. Ma è stata anche l'occasione per ricordare il bando attualmente attivo: sono 136 i posti disponibili e c'è tempo fino al 15 luglio per aderire ad uno dei 69 progetti.

 

Attraverso il lavoro retribuito, 433,80 euro mensili, il Servizio civile vuole far crescere i giovani al valore sociale del proprio lavoro e del proprio stare “in società” da adulti. Tale opportunità viene fornita attraverso la proposta di un “progetto” all’interno del quale inserirsi e che vede i giovani quali protagonisti.

 

L’esperienza di lavoro nel progetto viene affiancata dalla formazione specifica, assicurata dall’organizzazione per almeno 4 ore al mese, e dalla formazione generale, incentrata sulle cosiddette “competenze trasversali” e assicurata dall’Ufficio servizio civile per almeno 7 ore mensili.

 

L’allargamento della partecipazione è stato realizzato prevedendo diverse finestre di accesso per i giovani che nel 2015 sono state 7, 6 nel 2016, 9 nel 2017 e 2 nel 2018. La durata del progetto è stata liberalizzata, da 3 a 12 mesi, per aderire alle esigenze progettuali e anche per venire incontro alle tempistiche di vita dei giovani.

Dei mille giovani passati dal Servizio civile, il 51,71% ha concluso il servizio, il 29,50% è attualmente in servizio mentre il 18,79% si è ritirato. Tra le motivazioni del ritiro l’apparire di opportunità lavorative, la ripresa degli studi e, in qualche caso, anche la presa d’atto di aver sbagliato la scelta del progetto.

 

Il 64,44% dei giovani che decidono di aderire al Servizio civile sono ragazze, la maggior parte (64,27%) decide di farlo per la durata massima prevista, ovvero 12 mesi. Per quanto riguarda il titolo di studio il 49,45% dei giovani ha conseguito la maturità, il 39,48% una laurea.

 

L'87,18% è trentino, il 2,05% è nato all'estero, per lo più dall'Africa (Marocco, Costa d'Avorio, Senegal), America latina (Brasile, Cile, Colombia), Europa (Albania, Macedonia, Romania) e Asia (Pakistan, India).

Dal 2015 ad oggi sono stati 578 i progetti. Sono in tutto 192 le organizzazioni iscritte all’Albo provinciale del SCUP. Di queste attive, ovvero che hanno presentato progetti nel corso di questi 3 anni, sono state un centinaio.

C'è tempo fino al 15 luglio per aderire ai nuovi progetti di servizio. Sono 69 i nuovi progetti, 136 i posti a disposizione. Il servizio civile è rivolto a tutti i ragazzi dai 18 ai 28 anni che hanno voglia di mettersi in gioco, vivere un esperienza di crescita formativa e personale e avvicinarsi al mondo del lavoro.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 19:08

Si sono conosciuti in piazza a Novara. Entrambi hanno perso lavoro e casa e poi sono partiti in treno per cercare qualche città dove iniziare una nuova vita assieme. Sono arrivati a Trento da circa un mese e mezzo. Non hanno soldi ed ora con l'arrivo del freddo hanno paura di non farcela

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 19:02

La società Autostrada del Brennero, in accordo con la polizia stradale, ha approntato per la nottata in arrivo delle misure cautelative per impedire gravi turbative alla circolazione dell'asse autostradale. Tra Mezzocorona ed Egna sarà possibile circolare solo su una corsia, evitando la creazione di disagi dovuti a mezzi pesanti in panne

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato