Contenuto sponsorizzato

Si alza del fumo da un bancomat e parte l'allarme della banca, ma era solo una sigaretta

Qualcuno ha gettato una sigaretta nel cestino con dentro gli scontrini dello sportello della Sparkasse ed è partito l'allarme. Polizia e vigili del fuoco sul posto

Pubblicato il - 26 gennaio 2018 - 18:42

TRENTO. Spavento in centro storico questa sera poco dopo le 18 quando in via Manci una piccola colonna di fumo si è alzata da un bancomat e l'allarme della Sparkasse ha cominciato a suonare. Sul posto sono subito giunti gli agenti della polizia per verificare quanto stava accadendo e sono stati allertati i vigili del fuoco che si sono precipitati sul posto.

 

 

In breve, però, è risultato chiaro che nulla di grave si stava consumando. A prendere fuoco erano stati degli scontrini del bancomat contenuti in un cestino posizionati proprio sotto lo sportello e ad innescare le fiamme era stata una sigaretta probabilmente gettata nel contenitore per errore. Subito la carta ha cominciato a bruciare e il fumo si è alzato dallo sportello del bancomat facendo scattare l'allarme della banca.

 

 

Il fuoco è stato subito spento con una bottiglietta dal personale della Sparkasse e vigili del fuco e agenti della polizia, fortunatamente, sono potuti tornare ai loro servizi dopo aver verificato che tutto era a posto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 19:22

L'assessore Spinelli: ''Continua l'impegno della Provincia nei confronti dei soggetti deboli sul mercato del lavoro". Cgil, Cisl e Uil: "tutti i nodi critici sono irrisolti". L'ex assessore Olivi: "Agiscono sulle stretta ai requisiti di accesso, c'è un restringimento della platea dei beneficiari, proprio nel momento in cui il mercato del lavoro presenta il conto della transizione generazionale, si colpisce nella frattura della storia lavorativa di una persona''

24 gennaio - 13:35

Il consigliere Giorgio Tonini: “E’ questo un provvedimento che non può non trovare condivisione generale, proprio perché non si pone l’obiettivo di indagare e prevenire una forma specifica di odio, bensì tutte le rappresentazioni del sentimenti di intolleranza e discriminazione che accompagnano il quotidiano dell’intero Trentino”

24 gennaio - 16:03

Si tratta di un esemplare adulto rimasto vittima di un cavo d'acciaio che lo ha intrappolato al basso ventre. A casa dei bracconieri, padre e figlio, i forestali e i carabinieri hanno trovato anche altri palchi e altre mandibole di cervo, munizioni irregolari e armi modificate

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato