Contenuto sponsorizzato

Si stacca un masso grande come un furgone, situazione di pericolo sulla Vedretta degli Sfulmini

E' successo domenica scorsa. Fortunatamente in quel momento non si trovava nessuno lungo il sentiero della via ferrata delle Bocchette Centrali. La Sat monitora il fronte frana

Pubblicato il - 17 agosto 2018 - 17:47

TRENTO. Situazione di pericolo sulla Vedretta degli Sfulmini, alla base della parete ovest della Cima degli Armi, quando un masso della dimensione di un furgone si è staccato dalla parete per finire in frantumi. E' successo nella mattinata di domenica scorsa.

 

Fortunatamente in quel momento non si trovava nessuno lungo il sentiero della via ferrata delle Bocchette Centrali

 

La Sat comunica che è in corso un costante monitoraggio, in quanto il fenomeno è in continua evoluzione e legato al progressivo scioglimento del ghiacciaio: per questo la società raccomanda di prestare massima prudenza e attenzione.

 

Quel tratto in particolare deve essere percorso con attrezzatura alpinistica da ghiaccio, cioè piccozza e ramponi, seguendo un percorso più a sud-ovest verso Torre di Brenta, lontano dal fronte della frana.

 

La Sat si è inoltre preoccupata di allertare tutte le sezioni, oltre che i rifugi dell'area, mentre è prevista una segnaletica sui sentieri in zona frana.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

26 maggio - 13:07

Quando aveva 12 anni Ibrahim Songne è arrivato dal Burkina Faso a Trento. Qui ha studiato all'Enaip e dopo aver lavorato in un panificio-pasticceria ha deciso di realizzare il suo sogno di aprire un proprio locale. Nel 2018 in via Cavour a Trento apre "Ibris''

26 maggio - 17:18

In alta quota le temperature sono tornate sotto lo zero, Meteotriveneto: “Registrate raffiche tra i 60 e i 70 chilometri orari in tutte le vette dolomitiche trentine e venete”. Sul Ra Valles misurate raffiche fino a 119 chilometri orari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato