Contenuto sponsorizzato

Svolgeva l'attività di gommista senza autorizzazione, multa e sequestro di tutti i macchinari ad un concessionario di Cles

La multa può arrivare fino ad un massimo di 15 mila euro. I controlli sono stati effettuati durante un servizio di controllo in materia di abusivismo commerciale da parte della Guardia di Finanza

Pubblicato il - 18 April 2018 - 20:46

CLES. Svolgeva l'attività di gommista senza avere l'autorizzazione prevista dalla legge nazionale 122/92 che disciplina il settore delle autoriparazione.

 

Ad essere pizzicato dalla Guardia di Finanza, durante un servizio di controllo in materia di abusivismo commerciale, è stato un concessionario di autoveicoli di Cles.

 

Le Fiamme Gialle hanno verbalizzato il titolare, sequestro amministrativamente tutti i macchinari utilizzati per lo svolgimento dell’attività ed ed è stata comminata una sanzione che va da un minimo di 5.164,57 euro ad un massimo di 15.493,71 euro (se pagata entro 60 giorni, ammonta a 5.125,00 euro).
 

 

La normativa Nazionale prevede che per l’esercizio delle attività di autoriparazione (elettrauto, meccanica, motoristica, carrozzeria e gommista), sia necessaria l’iscrizione all’apposito albo, previa verifica di specifici requisiti, certificati dal Ministero dello Sviluppo Economico, ciò al fine di garantire all’utente finale del servizio che i lavori eseguiti sui veicoli siano stati svolti da personale la cui preparazione e professionalità sia certificata ufficialmente.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 January - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 January - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 January - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato