Contenuto sponsorizzato

Svolgevano un servizio di sicurezza, ma quattro buttafuori erano abusivi: multa da oltre 15 mila euro

L'agenzia del veronese stava prestando servizio durante un evento in Val di Non. I controlli dei carabinieri hanno fatto emergere la posizione irregolare di quattro dei sei buttafuori impiegati nel corso della serata

Pubblicato il - 13 agosto 2018 - 11:50

CLES. Uniforme nera, la scritta "Security" e auricolare per restate in collegamento e contatto radio. Ma quattro dei sei buttafuori di un'agenzia di sicurezza del veronese finiscono nei guai perché fuori regola.

 

E' successo durante un evento musicale organizzato in Val di Non.

 

I quattro, stranieri ma comunitari, non sono in regola con la "normativa di settore" in quanto non hanno frequentato il corso di formazione e quindi non sono iscritti nell'elenco del personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo in luoghi aperti al pubblico, così come negli esercizi pubblici.

 

Un'operazione messa in atto dai carabinieri di Cles, che si sono concentrati sul rispetto delle disposizioni di legge in materia di formazione e impiego di personale addetto al controllo. 

 

Il conto è salato. La multa, comminata ai buttafuori abusivi, ma anche al datore dei lavoro, che li ha impiegati illegalmente, si aggira a oltre 15 mila euro.

 

La normativa in materia, un decreto del Ministro dell’interno del 2009, impone infatti il possesso di rigorosi requisiti, tra questi una fedina penale pulita, situazione peraltro non riscontrata in due dei buttafuori sanzionati, e una specifica formazione professionale, condizioni necessarie per prevenire situazioni di rischio all’interno dei locali.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 11:11

Kompatscher punta a far tornare i turisti tedeschi già dal 15 giugno: “Noi vorremmo offrire a tutti i turisti che vengono qui gratuitamente il test sierologico. L’Austria non decide chi entra ed esce dall’Italia, il transito del turista tedesco per raggiungere l’Italia non è nelle competenze di Vienna”

26 maggio - 06:01

Dopo la decisa presa di posizione di Cgil, Cisl e Uil ma anche quella dell'Upt, duri i consiglieri provinciali dopo che l'assessora Stefania Segnana è intervenuta per scaricare (ancora una volta) le responsabilità sui medici e ha attaccato il presidente Marco Ioppi

26 maggio - 10:43

La macchina del quarantenne è stata trovata a Roncjade al confine tra Veneto e Friuli Venezia Giulia e subito sono partite le ricerche con i soccorsi alpini di varie stazioni mobilitati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato