Contenuto sponsorizzato

Teneva in casa esplosivo e detonatori. Arresto 52enne di Mezzano

L'operazione compiuta dai Carabinieri. Oltre a vari tipi di miccia, in casa dell'uomo sono stati trovati anche 88 detonatori. Già noto agli inquirenti è stato condotto in carcere

Di Donatello Baldo - 02 gennaio 2018 - 10:39

MEZZANO. Un vero e proprio arsenale con tanto di esplosivo di fabbricazione in parte balcanica e in parte di altre zone estere. Graziano Romagna, proprietario dell'appartamento in cui era detenuta questa vera e propria santabarbara, è stato tratto in arresto nella notte nel 31 dicembre.

 

Già noto agli inquirenti, i carabinieri della compagnia di Cavalese hanno eseguito una perquisizione nell'abitazione dell'uomo a seguito di alcune segnalazioni. Il giorno prima dell'arresto, infatti, l'uomo aveva fatto detonare alcuni esplosivi nel centro del paese.

 

I vicini, allarmati, avevano segnalato il forte boato e i militari, attraverso le indagini, sono arrivati all'abitazione di Romagna. Anche per i carabinieri si è trattata di una sorpresa: mai avrebbero potuto immaginare che all'interno di un'abitazione di un piccolo centro di montagna potesse essere immagazzinato così tanto materiale esplosivo.

 

Ecco nel dettaglio il materiale rinvenuto: un cordone detonante lungo 118 metri contenente dell'esplosivo detonante, due spezzoni di miccia a lenta combustione contenente della polvere nera flemmatizzata, una matassa di miccia a lenta combustione catramata, uno spezzone di miccia a lenta combustione catramata contenente altra polvere nera, sei detonatori elettrici con micro ritardo, ottantotto detonatori ordinari a miccia di varia potenza e due detonatori a miccia innescati con spezzone di miccia a lenta combustione: unitamente a diversi altri detonatori elettronici e detonatori a miccia.

 

Materiale solitamente impiegato nel settore delle cave che, se utilizzato per scopi diversi, può provocare gravi danni a infrastrutture e parti di edifici ed avere esiti devastanti e mortali sulle persone. Materiale molto ricercato dagli ambienti criminali.

 

Un uso che spesso viene fatto da materiale simile a questo è quello dell'esplosione di bancomat. Ma sia la certezza della provenienza sia lo scopo ultimo dell'esplosivo rinvenuto sono ancora oggetto di indagine. Parte di esso proviene dalla ex Jugoslavia, soprattutto dalla zona di Sarajevo,

 

L'uomo, 52 anni, che abita da tempo a Mezzano, gestisce un bar nel bellunese. A suo carico altri precedenti per rapina. Ora dovrà rispondere di detenzione abusiva di armi e materiale esplosivo e le indagini saranno seguite dalla Pm Alessandra Liverani.

 

Assoluto silenzio da parte dell'uomo alle domande poste dai militari per capire la provenienza dell'esplosivo. Gli accertamenti, fatti dalla Sezione Artificieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Bolzano, hanno confermato la pericolosità del materiale sequestrato e la fabbricazione risalente e circa 30 anni fa.   

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 10:04

I dati sono stati forniti dall'azienda sanitaria altoatesina che ha analizzato 1479 tamponi. Sono 26 le persone ricoverati in ospedale 

26 settembre - 05:01

I deputati Sutto e Binelli alle comunali hanno raccolto rispettivamente 45 e 113 preferenze, avrebbero dovuto tirare la volata ma alla fine sono stati trascinati in Consiglio dai candidati locali. Male le candidate sindache leghiste Cattoi ad Ala, Ceccato a Lavis e Parisi a Comano: nessuna supera supera il 30%

25 settembre - 19:17

Nel 2015 era stata la più giovane consigliera eletta in Regione. Ora la sua riconferma con Europa Verde che si è presentata per la prima volta. "Il centrodestra in questa campagna elettorale non ha raccontato un progetto di Veneto. Per batterli bisogna allacciare rapporti, bisogna partire dalle zone abbandonate e lasciate a loro stesse, scendere in strada". 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato