Contenuto sponsorizzato

Tragedia a Fiavè, Silvio Malacarne è precipitato per diversi metri dalla scala, fatale la caduta

L'uomo è stato ritrovato dalla madre. Immediato l'allarme, ma il personale sanitario non ha potuto far altro che constatare il decesso dell'uomo

Pubblicato il - 16 agosto 2018 - 17:05

FIAVE'. E' Silvio Malacarne l'uomo trovato senza vita nel fienile a Fiavè intorno alle 15.30.

 

Il 69enne di Cles è rimasto vittima di un infortunio, quando è precipitato da una scala nel solaio. 

 

L'uomo è precipitato per un'altezza di circa tre piani per finire violentemente a terra. 

 

Il copro è stato ritrovato dalla madre e immediatamente è scattato l'allarme. 

 

Sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanza e elicottero, i vigili del fuoco di zona e i carabinieri per effettuare i rilievi e ricostruire la dinamica.

 

Una volta giunto sul luogo, il personale sanitario ha subito avviato le manovre di rianimazione, ma purtroppo non c'è stato nulla da fare. Troppo gravi le ferite riportate nella caduta.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

29 ottobre - 18:45

Mentre in Alto Adige Kompatscher si è adeguato alle norme nazionali mettendo in sicurezza i suoi ristoratori ed esercenti per quanto riguarda l'accesso ai contributi (dopo aver preso atto che con meno clienti in circolazione non conveniva restare aperti con i rischi sanitari che ci sono) il Trentino continua con lo scontro con Roma: ''Alle 18.10 noi ancora non abbiamo visto nessuna atto ufficiale di impugnazione''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato