Contenuto sponsorizzato

Trento-Malè, la nuova stazione di Lavis sulla linea interrata

Oggi l’inaugurazione, domani l'apertura al pubblico. L’intervento ha riguardato l’abbassamento in trincea della linea ferroviaria per circa 760 metri e grazie a questo intervento sono stati eliminati tre passaggi a livello

 

 

Pubblicato il - 28 luglio 2018 - 16:45

LAVIS. "Mi sento orgoglioso di vivere in Trentino - ha detto il presidente Rossi - dove l'autonomia produce risultati positivi come questo. La Trento-Malé è frutto del protagonismo del territorio e delle comunità che l'hanno a suo tempo fortemente voluta. Ora come all'ora è una realtà con i piedi piantati nel presente ma lo sguardo rivolto al futuro".

 

Parole da 'giornata storica', alle quali si aggiungono quelle dell'assessore alle infrastrutture Mauro Gilmozzi: "Voglio rivolgere un ringraziamento a chi ha lavorato per questo risultato che porta con sé nuove opportunità sul piano della mobilità, coinvolgendo anche temi come l'urbanistica, la vivibilità del territorio, il traffico".

 

La festa e la gioia, e anche la solennità del caso, sono tutte per la nuova opera realizzata, la nuova Trento-Malè che da ora, con la nuova stazione di Lavis, potrà percorrere i 760 metri di linea interrata. Sarà aperta al pubblico e pienamente funzionante da domani, domenica 29 luglio 2018.

 

La cerimonia di inaugurazione si è tenuta alla presenza di molte persone e dei tanti amministratori locali con in testa il sindaco Andrea Brugnara, il presidente della Giunta Ugo Rossi, il presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti, l'assessore  Mauro Gilmozzi e la presidente di Trentino Trasporti Monica Baggia.

 

La cerimonia è cominciata con il viaggio di un treno speciale da Trento che, l’unico a viaggiare, ha trasportato a Lavis le autorità e i giornalisti, per riportarli nel capoluogo ad inaugurazione conclusa. Dopo il suo alla nuova stazione si è svolta l'inaugurazione ufficiale.

 

L’intervento ha riguardato l’abbassamento in trincea della linea ferroviaria per circa 760 metri, fino ad una profondità di circa sette metri, il raddoppio del binario per oltre 430 metri e lo spostamento della stazione di Lavis. Il nuovo tracciato in abbassamento ha inizio poco a sud di via Zandonai e torna in superficie immediatamente prima del ponte sull’Avisio, attraversando la zona ovest dell’abitato di Lavis.

 

Grazie a questo intervento sono stati eliminati tre passaggi a livello (via Zandonai, via Paganella e Cantina Sociale di Lavis) che dividevano in due l’abitato e creavano notevoli problemi di traffico, sia sulla viabilità locale che sulla vicina arteria statale (SS12).

Con la soppressione del passaggio a livello di via Paganella si rende possibile la realizzazione della nuova rotatoria in luogo dell’attuale incrocio regolato da semafori. Il raddoppio del binario da via Paganella fino alla stazione di Zambana consentirà, nell’immediato, il miglioramento dell’esercizio ferroviario con ottimizzazioni sensibili sui tempi di incrocio.

Entro il termine previsto del 17 ottobre 2018, oltre ai lavori di finitura, sarà realizzata la rotatoria in corrispondenza dell’incrocio tra via Paganella e via Nazionale, sarà completato il sottopasso ciclopedonale sotto la rotatoria di via Paganella e sarà realizzata una pista ciclopedonale per collegare la stazione al paese.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato