Contenuto sponsorizzato

Un furgoncino prende fuoco lungo la strada, i pompieri evitano che l'incendio si estenda al bosco

E' successo lungo la strada dei baiti a Levico Terme. Tempestivo l'intervento dei vigili del fuoco. Ingenti i danni al mezzo

Pubblicato il - 10 ottobre 2018 - 13:02

LEVICO. Tanta paura in Valsugana, quando un furgoncino è rimasto avvolto dalle fiamme. 

 

E' successo poco dopo le 11.30 lungo la strada dei Baiti, sopra l'abitato di Levico Terme

 

Il conducente del mezzo stava guidando lungo la strada in leggera pendenza, quando si è accorto di qualcosa che non andava, in particolare ha notato un po' di fumo e così ha deciso di accostare a bordo della carreggiata. 

 

Una manciata di secondi e il fuoco è divampato per avvolgere l'abitacolo

 

Immediato l'intervento dei soccorsi, ambulanza, vigili del fuoco di Levico e carabinieri per effettuare i rilievi e gestire il traffico.

 

I pompieri hanno subito messo in sicurezza l'area e isolato la zona per avviare le operazioni di spegnimento.

 

Un po' di apprensione per il bosco circostante e il rischio che qualche scintilla e fiamma potesse scappare verso gli alberi e l'erba, ma il tempestivo intervento dei vigili del fuoco ha scongiurato questa eventualità. Nonostante la veloce operazione sono ingenti i danni riportati dal mezzo.

 

Fortunatamente tanta paura, ma nessun ferito o intossicato. L'uomo è stato visitato sul posto e non ha riportato conseguenze per l'incendio del furgone.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 giugno - 15:21
La comitiva si sarebbe costruita una teleferica in autonomia e dopo aver ancorato i cavi agli alberi avrebbero tentato di utilizzare la loro creazione. Il gruppo di tedeschi non avrebbe fatto i conti con un albero marcio e così la teleferica ha ceduto
16 giugno - 18:26

Vendute a Dubai, Mumbai, Miami ma nate e prodotte ad Arco dalla Vetrogiardini hanno portato Sandro Santoni e Luca Degara a Roma per la Festa della Repubblica sono state inserite fra i 32 oggetti di design che rappresentano il genio e l’eccellenza italiana

16 giugno - 17:14

E' il 2 ottobre 1922 e le squadracce fasciste invadono le aule del municipio di Bolzano apponendo nella sala consiliare il busto di Vittorio Emanuele III re d’Italia. Per il Trentino s’apre un’epoca di insofferenza verso la mancata autonomia, l’Alto Adige finisce per trasformarsi in un ''laboratorio d’Italia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato