Contenuto sponsorizzato

Un nido di calabroni grande come un pallone in un giardino di Mori, intervengono i vigili del fuoco

Gli insetti avevano scelto una casetta per gli attrezzi per costruire la loro ''casa''. Vista la loro pericolosità i residenti hanno chiamato i pompieri che sono intervenuti all'imbrunire 

Pubblicato il - 11 luglio 2018 - 11:19

MORI. Era grande come un pallone da calcio: un grande nido di calabroni posizionato nel giardino di una casa di Mori sotto il tetto di una piccola costruzione per contenere gli attrezzi esterni. Ad accorgersi i proprietari dell'abitazione che domenica sera, durante una cena all'aperto, hanno notato un sospetto viavai di grossi calabroni attorno alla baracca. Hanno atteso la luce del giorno per capire cosa attirava l'attenzione degli insetti e hanno, così, notato il nido nel sottotetto. Hanno, quindi, subito contattato i vigili del fuoco di Mori che si sono recati sul posto.

 

 

All'imbrunire, dopo aver fatto le opportune verifiche, atteso che i calabroni si addormentassero, sono intervenuti armati di tute protettive integrali e hanno asportato la struttura. Un nido delle dimensioni di un pallone di calcio già ben costruito anche se questi ''contenitori'' possono raggiungere anche un metro di altezza e un diametro di 50 centimetri. Appaiono come vere e proprie piccole opere d'arte realizzate in genere nei fori degli alberi, nei comignoli, nei sottotetti, appunto, e costruite dai calabroni con un materiale che al tatto ricorda la carta, ottenuto dalla masticazione del legno impastato con la loro saliva

 

In casi come questo, se viene trovato un nido di calabroni o vespe si consiglia sempre di evitare gli interventi ''fai da te'' con fumo, fuoco o veleni vari ma è sempre meglio rivolgersi ai vigili del fuco o a ditte specializzate nella disinfestazione. Diverso il caso della presenza di alveari o sciami d'api. In quei casi sono gli stessi pompieri a rivolgersi ad apicoltori per ''salvare'' le api, insetti ormai preziosissimi e, purtroppo, sempre più a rischio. In quei casi lo sciame viene catturato e portato in luoghi sicuri e più consoni alla loro esistenza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 19:33

Sono 14 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.402 i guariti da inizio emergenza e 556 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, giovedì 24 settembre, si specifica che 11 sono sintomatici e 1 caso è ascrivibile ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

24 settembre - 17:49

I tamponi analizzati sono stati 1.613. Oggi è stato individuato un caso di coronavirus alla scuola dell'infanzia della Sacra Famiglia di Trento

24 settembre - 18:12

Il giovane nigeriano ieri sera ne aveva già espulsi 21 ma da un secondo esame radiologico è risultato averne ancora è rimasto piantonato nel reparto di chirurgia, in attesa del processo per direttissima che si terrà non appena verrà dimesso dall'ospedale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato