Contenuto sponsorizzato

Decide di sciare a pista chiusa ma si schianta contro un gatto delle nevi, gravissimo un ragazzo di 27 anni

L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Il giovane si trovava in Val Badia con altri amici per trascorrere una giornata sulla neve 

Pubblicato il - 10 dicembre 2019 - 09:03

BOLZANO. E' un ragazzo di 27 anni originario di Belluno il giovane sciatore che ieri pomeriggio è rimasto vittima di un tremendo incidente avvenuto sulla pista Gran Risa in Val Badia dove si trovava con altri amici per una giornata di relax sulla neve.

 

E' successo poco dopo le 17. Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, il ragazzo pare abbia imboccato la famosa pista nel cuore delle Dolomiti e deciso di scendere pur essendo il tracciato in quel momento chiuso.

 

Lo sciatore stava scendo a grande velocità quando, ad un certo punto, si è trovato davanti un gatto delle nevi. Uno scontro violentissimo con il mezzo cingolato che era in azione per i lavori di sistemazione della pista.

 

Il ragazzo è finito incosciente a terra. Gli addetti delle piste hanno immediatamente dato l'allarme e sul posto sono arrivati gli uomini del soccorso alpino e i sanitari con l'elisoccorso Pelikan 1 per la prima assistenza medica.

 

Il ragazzo è stato poi trasportato all'ospedale di Bolzano dove è stato ricoverato in gravi condizioni.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 15:20

Enorme cordoglio in Trentino, così come in tutto il mondo alpinistico. Si è spento Cesare Maestri, il "Ragno delle Dolomiti"

19 gennaio - 13:22

I compagni di uscita hanno immediatamente interessato il Numero unico per le emergenze, ma si sono anche subito dati da fare per localizzare l'amico. In azione anche l'elicottero e le unità del soccorso alpino. Gli sportivi tutti dotati di Artva, pala e sonda

19 gennaio - 11:22

C'è un peggioramento per quanto riguarda la situazione negli ospedali. Oltre 7 mila test eseguiti in 24 ore tra tamponi molecolari e test antigenici. Sono 526 le vittime nella seconda ondata 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato