Contenuto sponsorizzato

Decolla dal Becco dell'Aquila ma si impiglia su un albero a dieci metri d'altezza, paura per un jumper americano

L'incidente è successo intorno alle 11.30 di ieri, martedì 17 settembre, lo sportivo è decollato dal Becco dell'Aquila e in fase di atterraggio qualcosa non ha funzionato a dovere. Il jumper americano è finito impigliato su una pianta, a circa una decina di metri dal suolo

Pubblicato il - 18 settembre 2019 - 11:27

DRO. Tanta paura per un jumper che è rimasto impigliato su un albero a circa 10 metri d'altezza.

 

E' successo intorno alle 11.30 di ieri, martedì 17 settembre, lo sportivo è decollato dal Becco dell'Aquila e in fase di atterraggio qualcosa non ha funzionato a dovere.

 

Il jumper americano è finito impigliato su una pianta, a circa una decina di metri dal suolo

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanza e vigili del fuoco di Dro.

 

I pompieri hanno messo in sicurezza l'area, quindi la squadra coordinata dal vigile esperto Manuel Matteotti, ha liberato e recuperato il jumper.

 

Una volta riportato a terra, l'uomo è stato affidato alle cure del personale medico

 

Fortunatamente solo qualche escoriazione e diverse botte, ma il jumper non è in pericolo, anche se è stato trasportato al pronto soccorso per accertamenti e approfondimenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 ottobre - 20:26

Dal Centro Sociale Bruno ai sindacati di Cgil, Cisl e Uil, passando per tutto l’arco politico che va dai partiti di sinistra a quelli del centrosinistra-autonomista fino ad arrivare al movimento di Fridays for Future. È una manifestazione variegata e colorata quella andata in scena oggi a Trento in sostegno del popolo curdo

16 ottobre - 17:00

Un detto ladino che compare sulle bustine dello zucchero in val di Fassa e sul quale si trova anche il marchio della locale Azienda per il turismo. Detti che però ritornano a far discutere e diventano virali sui social per l'indignazione di diverse persone in modo trasversale

16 ottobre - 18:26

La Regione Veneto è intervenuta con un comunicato spiegando che la predazione è avvenuta perché ''l'energia erogata era assente o insufficiente, la recinzione era appoggiata al guard-rail quindi la corrente scaricava a terra, l'altezza era insufficiente (70/80 centimetri), non seguiva l'andamento del terreno, vi erano aperture di 30/40 centimetri''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato