Contenuto sponsorizzato

Fast and Furious sulla Valsugana, due fratelli si sfidano con auto modificate ma ora sono nei guai

I carabinieri  si sono resi conto che il loro inseguimento spingeva i giovani ad una guida ancora più azzardata. Sicuri di essere riusciti ad identificare i due giovani conducenti hanno quindi desistito per poi rintracciarli a casa 

Pubblicato il - 15 aprile 2019 - 11:00

LEVICO. Paura sulla Valsugana per una corsa folle di due auto proseguita poi sulla provinciale ed anche su alcune vie di Levico. A finire nei guai sono stati due giovani fratelli, di nazionalità italiana, di 22 e 20 anni che hanno avuto l'idea di gareggiare con le loro due autovetture "modificate" sulla SS47

 

I due sono stati intercettati in un primo momento da una gazzella del nucleo radiomobile di Borgo, in servizio di perlustrazione, che per un po' gli è stata dietro, cercando invano di farli accostare.

Successivamente, però, i militari, si sono resi conto che il loro inseguimento, spingeva i giovani ad una guida ancora più azzardata e a velocità tali da mettere a rischio non solo la loro incolumità ma anche la sicurezza dei pedoni e dei conducenti di altri mezzi.

 

Sicuri di essere riusciti ad identificare i due giovani conducenti con accertamenti nel frattempo eseguiti tramite la centrale operativa, i carabinieri hanno deciso di allentare la presa e, successivamente, per poi andare a prendere i ragazzi presso la loro abitazione, dove erano già stati raccontati i fatti al padre.

 

Una bravata che ha portato alla denuncia dei due ventenni per avere gareggiato tra di loro ma anche una sanzione ad entrambi di centinaia di euro per violazione delle norme del Codice della strada.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 luglio - 06:01

Dopo l'Abruzzo arriva l'offerta di una casa per M49 - Papillon dal sindaco di Sagron Mis. "La mia è un'idea in un momento di emergenza visto che ci sono persone che vorrebbero uccidere l'orso. Sarebbe un fallimento politico e gestionale per tutto il territorio". Oggi i primi contatti con il ministro dell'Ambiente

23 luglio - 18:49

Paolo Ghezzi in aula con cinque esempi spiega la sua contrarietà ai provvedimenti contenuti nella manovra di assestamento: dalla storia di Maurizio di Avio che per sette anni ha vissuto in Australia a quella di Milena di Perugia che ha scelto la Val di Fiemme anche per il nuovo punto nascite, dalla tirolese Ulli che vuol mettere su famiglia con il cembrano salvinista Fabio per ripopolare le zone di montagna ai trentino tunisini Rami e Karima

23 luglio - 20:26

La donna di 84 anni è stata sbalzata a terra ed è parsa da subito in gravi condizioni. Sul posto due ambulanze, l'automedica e anche l'elicottero

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato