Contenuto sponsorizzato

Incendio all'hotel Miramonti di Campiglio, un centinaio di pompieri per spegnere le fiamme. Ingenti i danni all'albergo

Ora i vigili del fuoco hanno avviato la bonifica del materiale incendiato, lo spegnimento degli ultimi focolai e la verifica della stabilità di edificio e tetto, distrutto dalla furia del fuoco. L'incendio ha coinvolto la copertura, la mansarda e parte dell'ultimo piano

Di L.A. - 26 febbraio 2019 - 16:44

MADONNA DI CAMPIGLIO. Sono terminate le operazioni di spegnimento all'hotel Miramonti di Campiglio. Un incendio devastante che ha visto il coinvolgimento di un centinaio di pompieri impegnati senza sosta per bloccare le fiamme. 

 

Ora i vigili del fuoco hanno avviato la bonifica del materiale incendiato, lo spegnimento degli ultimi focolai e la verifica della stabilità di edificio e tetto, distrutto dalla furia del fuoco. L'incendio ha coinvolto la copertura, la mansarda e parte dell'ultimo piano.

 

Il tempestivo intervento dei pompieri ha permesso di limitare i danni e salvare metà tetto e buona parte dell'ultimo piano, ma sono purtroppo ingenti i danni causati dell'incendio, che si è sviluppato agli ultimi piani dell'albergo, nella zona residence, sul lato a monte, ma anche le infiltrazioni d'acqua dovute alla neve sulla copertura sciolta dal calore del fuoco. 

 

 

A complicare e rendere delicate le operazioni, infatti, c'erano le improvvise raffiche di vento, ma soprattutto la presenza di neve sul tetto. I pompieri per poter intervenire hanno dovuto spalare e rimuovere il manto nevoso e ghiacciato sulla copertura. 

 

L'allarme è scattato intorno alle 11, quando alcuni ospiti della struttura hanno avvertito un forte odore di fumo. Da lì a poco il fuoco è divampato per bruciare il tetto e i piani più alti della struttura a 4 stelle da 150 posti letto circa a ridosso della pista 3-Tre, il tracciato della coppa del mondo.

 

La squadra antincendio dell'hotel ha subito interessato il Numero unico di emergenza e poi si è speso per limitare la portata delle fiamme. Nel frattempo i pompieri di zona si sono tempestivamente portati al Miramonti: dopo aver isolato e messo in sicurezza l'area, hanno avviato le operazioni di spegnimento.  

 


Fortunatamente la maggior parte dei clienti dell'hotel si trovava in pista al momento dell'allarme, mentre quelli ancora presenti nella struttura tra ospiti e personale, una ventina di persone, sono stati evacuati e accolti all'esterno dell'edificio dai soccorsi. Non si registrerebbero feriti o intossicati al momento, anche se per ogni necessità sono presenti le ambulanze, così come i carabinieri e le forze dell'ordine per gestire la situazione e poi effettuare i rilievi.

 

 

 

Appena arrivati e dopo aver isolato l'area, i pompieri di Madonna di Campiglio guidati dal comandante Emanuele Cunaccia, supportati dai permanenti di Trento, così come dai corpi della Rendena e delle Giudicarie, si sono subito portati sul tetto, l'origine dell'incendio sarebbe da ricondurre a qualche problema alla canna fumaria e da lì si sarebbe rapidamente propagato ai piani più alti dell'hotel.

 

Il grande impegno e l'enorme sforzo dei pompieri e della macchina dei soccorsi ha permesso di arginare rapidamente, per quanto possibile, l'avanzata delle fiamme prima e la possibilità di estinguere il fuoco. Restano alcuni focolai, ma la situazione è sotto controllo. In corso anche gli accertamenti per capire l'origine delle fiamme, anche se, come anticipato, darebbe da ricondurre alla canna fumaria, forse malfunzionante.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 13:09

L'assessore Widmann: "In due settimane la situazione è completamente cambiata. Si deve considerare che per ogni positivo in media ci sono tra i 20 e i 30 contatti: 350 infezioni significa circa 10 mila contatti e diventa necessario variare strategia perché è impossibile rintracciare tutti". L'ordinanza valida da sabato 31 ottobre

30 ottobre - 11:34

Il rapporto contagi/tamponi sale al 13,85%. Rispetto a ieri ci sono 700 persone in più che si trovano in isolamento domiciliare

30 ottobre - 11:02

L'incidente è avvenuto in campagna all'altezza della Maza, in azione la macchina dei soccorsi tra personale sanitario, vigili del fuoco di zona e polizia locale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato