Contenuto sponsorizzato

Trento si prepara a diventare 'Città del Natale', musica, spettacoli, colori e profumi invaderanno il centro storico. Ecco cosa succederà

A Trento arriva il natale con tanti appuntamenti e novità dedicati a cittadini e turisti. Molte attività e giochi pensati per i più piccoli nel “Villaggio del Natale” e da non perdere “Canto Trento”, il nuovo spettacolo musicale itinerante con ascolti in cuffia wireless dedicato alla città e alla sua storia. L’inaugurazione avverrà sabato 23 novembre, a cui seguirà l’accensione dell’albero in piazza Duomo

Foto D.Mosna
Di Lucia Brunello - 20 novembre 2019 - 19:25

TRENTO. Tutto è pronto per accogliere una nuova edizione di Trento città del Natale, l’appuntamento per cui la città si veste a festa e che accompagna cittadini e turisti attraverso il periodo più atteso e magico dell’anno. Anche nell’edizione del 2019 il calendario proposto sarà ricco di eventi e appuntamenti che animeranno la città, vivacizzando il centro storico con numerose e interessanti proposte, tra laboratori per i bambini, mostre, giochi di luce, concerti e originali visite turistiche alla scoperta dei segreti della città.

 

“Trento città del Natale” verrà inaugurata il 23 novembre e continuerà ad adornare la città di colori, decorazioni e profumi fino al 6 gennaio. Le principali novità di quest’anno, saranno le tante attività proposte nello spazio dedicato ai più piccoli: il Natale dei Bambini, che troverà posto in piazza Santa Maria Maggiore. Lì verrà realizzato il Villaggio del Natale, un piccolo regno dove le famiglie, attraverso tante attività e giochi, potranno vivere la vera magia natalizia. Al suo interno verrà allestita l’Officina del Natale, la casetta principale del villaggio, in cui i bambini potranno partecipare a laboratori creativi e, fino al 20 dicembre, anche all’iniziativa didattica "Alla scoperta degli antichi mestieri e delle tradizioni popolari", che mirano a promuovere tra gli alunni delle scuole dell’infanzia e primarie, la riscoperta delle tradizioni trentine e degli antichi mestieri. Impareranno divertendosi a ricavare colori dagli ortaggi, si cimenteranno nella lavorazione del legno, del feltro e potranno vedere con i loro occhi come funziona un telaio. Ci sarà poi l’immancabile ufficio postale di Babbo Natale, dove il simpatico uomo barbuto incontrerà i bambini per raccogliere le loro letterine. Un’altra attrazione avrà come protagonisti gli animali e, per l’occasione, verrà allestita una piccola fattoria didattica dove grandi e piccini potranno ammirare da vicino asini, cavalli, galline, pecore e caprette.

 

La città del Natale continuerà con la festa di Santa Lucia e, il 14 e il 15 dicembre, alle 16 e alle 17, avrà luogo lo spettacolo Circo di Luce, eseguito da artisti di strada, tra cui attori e trampolieri, dove gli asinelli accompagneranno Santa Lucia ad incontrare i bambini. Il Natale dei bambini si concluderà il 6 gennaio per la festa della Befana, con uno spettacolo di animazione comica interattiva dal titolo La Befana vien di Notte con le scarpe tutte rotte..., organizzato dalla compagnia Teatro per Caso.

 

L’inaugurazione del villaggio di Piazza Santa Maria Maggiore, avverrà ufficialmente sabato 23 novembre alle 15.30. A seguire si terranno quella dei mercatini di piazza Cesare Battisti alle 17 e quella di piazza Fiera alle 18. Alle 19 ci sarà l’accensione dell’albero di Natale allestito in piazza Duomo e, ad attendere i bambini e i turisti, ci sarà il tradizionale trenino di Natale, che accompagnerà i più curiosi per le vie del centro storico, alla scoperta dei meravigliosi palazzi e monumenti della città.

 

Ritorna anche l’iniziativa La piazza che suona che, durante il periodo dell’avvento, presenterà tante proposte musicali natalizie, dall’antico al contemporaneo. Sono infatti in programma tre appuntamenti di grande musica con Trento Christmas Live, nei giorni 14 (Abba show), 21 (Pianeta Zero) e 28 dicembre (HillBilly Soul) dalle 17 alle 19. Inoltre, martedì 24 dicembre, sarà suonato un intero repertorio in occasione del 250° anniversario del passaggio a Trento di Wolfgang Amadeus Mozart.

 

Lo spirito di festa proseguirà in piazza Lodron, dove si potrà ammirare l’installazione artistica raffigurante i personaggi della Natività e del presepe, realizzata dagli studenti del Centro di formazione professionale Enaip di Villazzano e dell’Istituto d’arte Alessandro Vittoria. Inoltre, per chi volesse ammirare la città dall’alto, in piazza Dante verrà installata anche quest’anno la grande ruota panoramica.

 

Dal 29 novembre al 6 gennaio, in via Garibaldi, sarà presente il Mercatino di Natale del volontariato e della solidarietà, la cui inaugurazione è in programma venerdì 29 novembre alle 11, dove le associazioni senza fine di lucro venderanno i loro prodotti per sostenere le proprie attività e finanziare progetti solidali.

 

Anche quest’anno ci sarà la Notte Bianca, prevista il 4 gennaio, con apertura serale di alcuni negozi in centro storico e musica nei locali. Per questa 26esima edizione del Mercatino di Natale di Trento, Miscele d’Aria Factory ha scelto di proporre: Canto Trento – ogni pietra un sentimento, un nuovo spettacolo musicale itinerante con ascolti in cuffia wireless dedicato alla città ed alla sua storia.

 

Durante tutte le domeniche di dicembre avrà luogo Suoni di quartiere: cinque concerti di grande spessore (con ingresso libero fino ad esaurimento posti) che si terranno nelle chiese periferiche della città.

Di seguito il programma:

Domenica 1 dicembre alle 17, Antonella Ruggiero, voce e organo nella Basilica di Santa Maria Maggiore; l’8 dicembre alle 18, Gavino Murgia, Gruppo vocale K.J. Feininger nella Chiesa di San Marco; il 15 dicembre alle 18 The Followers of Christ Gospel Singer nella Chiesa di San Pio X e Canova di Gardolo; il 22 dicembre alle 18, Radiodervish nella Chiesa di San Martino; il 29 dicembre alle 18, Solis String Quartet nella Chiesa del Sacro Cuore.

 

A questi si aggiungono i concerti bandistici domenicali e i Cantantibus Organis, concerti natalizi sugli organi più belli della città, a cura dell’associazione organistica trentina R. Lunelli, che si svolgeranno il 1° dicembre nella chiesa di San Francesco Saverio, l’8 dicembre nella chiesa di Santa Maria del Suffragio, il 15 dicembre in quella di Santa Maria Maggiore ed infine il 22 dicembre nella cattedrale di San Vigilio.

 

Dal 6 dicembre al 6 gennaio anche il quartiere delle Albere si illuminerà per il Natale con Cometa Sonora, a cura del Consorzio Trento Iniziative. Dalle 15.30 alle 21 andrà in scena un’installazione artistica dove saranno le architetture del quartiere a prendere vita tra luci e suoni in uno spettacolo coinvolgente.

 

Infine, per accogliere l’arrivo del 2020, allo scoccare della mezzanotte del primo gennaio, si terrà, in piazza Duomo, il tradizionale concerto di capodanno.

 

La ricca brochure con tutti i dettagli sugli eventi può essere scaricata al sito: https://www.comune.trento.it/Aree-tematiche/Turismo/Eventi/Eventi-princi...

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 11:03

Dopo l'uscita piuttosto pesante del presidente della Lega trentina sull'Svp che si allea a Bolzano con il centrosinistra, il consigliere provinciale di Alto Adige Autonomia Carlo Vettori ha consegnato in Consiglio regionale un'interrogazione, beccandosi gli insulti di Alessandro Savoi. "Finché fa il giullare in Consiglio provinciale a Trento non c'è problema, ma non si metta il becco nelle questioni altoatesine"

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato