Contenuto sponsorizzato

Cade in bici, sbatte violentemente la testa e perde i sensi. Grave un 14enne trasportato in elicottero all'ospedale

E' successo nel bellunese, il ragazzo nella caduta ha sbattuto violentemente la testa e la spalla ed ha perso i sensi per poi, poco dopo, riprendersi ma avendo altri malori

Pubblicato il - 01 luglio 2020 - 08:36

BELLUNO. E' stato portato in gravi condizioni all'ospedale il giovane di 14 anni che ieri nel tardo pomeriggio è rimasto vittima di un incidente mentre si trovava in sella alla propria bici.

 

Il giovane, secondo una prima ricostruzione, era in discesa quando ha perso il controllo della bici ed è caduto. E' successo a Tiser di Gosaldo sulla Sp2.

 

Il ragazzo nella caduta ha sbattuto violentemente la testa e la spalla ed ha perso i sensi per poi, poco dopo riprendersi ma avendo altri malori.

 

Visto la situazione grave, da Pieve di Cadore si è alzato in volo l’elicottero del Suem. I sanitari hanno stabilizzato in giovane sul posto per poi trasportarlo d'urgenza in ospedale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 11:41

Nella mattinata di giovedì 26 novembre si è tenuto un incontro tra il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e i sindaci dei due Comuni dell'Altopiano di Pinè (entrambi "zona rossa") Francesco Fantini e Alessandro Santuari. Il primo cittadino di Bedollo: "Abbiamo ottenuto conferma che se entro lunedì la situazione si stabilizza al di sotto del 3% dei positivi, l'ordinanza di zona rossa non verrà rinnovata"

26 novembre - 12:03

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.104 tamponi e registrati 292 nuovi casi positivi, 11 decessi. Sono 280 persone ricoverate, 40 i pazienti in terapia intensiva

26 novembre - 10:19

I dati sono stati elaborati da Swg su un campione di circa un migliaio di persone. Nel nostro Paese sono in crescita i "complottisti" che credono in un virus diffuso da gruppi di potere, i "riduzionisti" che ritengono la situazione meno grave di come è rappresentata e i "resistenti", quelli che non vogliono vaccinarsi 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato