Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige 6 decessi e 278 positivi: le terapie intensive salgono a 32

Nelle ultime 24 ore nella provincia di Bolzano 278 persone sono risultate positive ai test antigenici e molecolari. I pazienti ricoverati sono 410, a questi si aggiungono 32 terapie intensive

Di T.G. - 06 dicembre 2020 - 12:19

BOLZANO. In Alto Adige sale ancora il numero dei positivi, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 278 casi di coronavirus, comunque in calo rispetto a ieri quando erano stati 389. Per il momento dunque sembrerebbe essere confermata la stabilizzazione dei contagi con una curva che potrebbe accennare a una lenta discesa.

 

Per quanto riguarda i tamponi, dei 278 positivi, 248 sono stati individuati tramite il test molecolare (2.046 i tamponi), solo 30 i positivi all’antigenico (524 i tamponi). I relativi rapporti contagi/tamponi si attestano rispettivamente al 12,12% e al 5,72%.

 

Purtroppo si contano altri 6 decessi legati al Covid-19, pertanto i morti registrati dall’inizio della pandemia in Alto Adige sono stati 578.

 

I pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 259, stabili rispetto a ieri così come i cittadini che si trovano nelle strutture private convenzionate fermi a quota 151. Calano le persone che si trovano in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes che passano da 88 a 80 (67 a Colle Isarco e 13 a Sarnes). Un posto letto in più è stato occupato in terapia intensiva, ora sono 32 i pazienti ricoverati in questi reparti. In isolamento domiciliare ci sono 5.874 cittadini.

 

I numeri in breve:

 

Test PCR:

Tamponi effettuati ieri (05 dicembre): 2.046

Nuovi casi testati positivi da PCR: 248

Numero delle persone testate positive da PCR al coronavirus: 25.361

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 323.433

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 152.109 (+519)

 

Test antigenici:

test antigenici eseguiti ieri: 524

Numero delle persone testate positive dai test antigenici: 30

 

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 259

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate: 151

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes: 80 (67 a Colle Isarco e 13 a Sarnes)

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 32

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 578 (+6)

Persone in isolamento domiciliare: 5.874

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 55.437

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 61.311

 

Persone guarite: 13.862 (+433). A queste si aggiungono 1.417 (+11) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test. Totale: 15.279 (+444)

Collaboratori/collaboratrici dell'Azienda sanitaria positivi al test: Dopo l'ultimo calcolo, avvenuto il 25.11., in data 05.12. è stata effettuta una rilevazione che ha portato al seguente risultato: 1.218 (+135), di questi 780 guariti. Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta: 37, di questi 26 guariti (al 05.12.)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato