Contenuto sponsorizzato

Drammatico incendio, vanno a fuoco le caserme di carabinieri e guardia di finanza ad Asiago, muore una persona. FOTO E VIDEO

Una densa nube di fumo si è levata in cielo da una mansarda e da lì si è sviluppato un vastissimo incendio. Il fronte del rogo si è propagato una cinquantina di metri. In azione tantissime unità dei vigili del fuoco. Un anziano si è barricato nella stanza per paura e ha perso la vita

Pubblicato il - 21 marzo 2020 - 13:12

ASIAGO. Un bilancio drammatico nel vasto rogo che si è sviluppato in pieno centro storico di Asiago. C'è, infatti, una vittima nell'incendio che ha distrutto una serie di palazzine. Un anziano si era barricato nella stanza per paura del rogo e non ce l'ha fatta, nonostante gli inviti della figlia a uscire dall'edificio.

L'allerta è scattata intorno alle 5 di sabato 21 marzo quando una densa nube di fumo si è levata in cielo e quindi si è sviluppato un furioso incendio che è partito da una mansarda situata all'ultimo piano di un edificio in via Verdi.

Il fronte del fuoco si è poi esteso rapidamente per oltre una cinquantina di metri per coinvolgere i tetti di altre palazzine, compreso le caserme di carabinieri e guardia di finanza, situate ai lati della mansarda da dove è scaturito il rogo.

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi tra vigili del fuoco di Asiago, i rinforzi da Bassano del Grappa, Vicenza e altri volontari per un totale di oltre quaranta pompieri.

Le unità hanno isolato e messo in sicurezza l'area, quindi hanno fatto evacuare tutte le persone all'interno dell'edificio e hanno avviato le operazioni di spegnimento. 

Un intervento difficile per l'estensione del fronte delle fiamme e l'attività è ancora in corso per la bonifica, le verifiche di stabilità dell'edificio e controlli per escludere la presenza di eventuali focolai.

Una volta all'interno della palazzina, i pompieri hanno, purtroppo, rinvenuto il cadavere di una persona, la vittima è Bruno Rela che si sarebbe barricato all'interno della stanza proprio per paura del rogo, nonostante l'invito della figlia a uscire.

Sono ingenti i danni e parte dell'edificio non è agile, mentre le cause dell'incendio vengono valutate dalla polizia giudiziaria e dai vigili del fuoco. L'ipotesi più probabile è che il fuoco sia partito dalla mansarda, ma non si esclude possa essere cominciato da un camino.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato