Contenuto sponsorizzato

Ennesimo incidente sulle piste da sci: 16enne elitrasportato al Santa Chiara dopo essere caduto

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 12, dopo che alcuni testimoni hanno assistito alla caduta. Il ragazzo ha riportato vari traumi per questo è stato elitrasportato all’ospedale Santa Chiara di Trento

Pubblicato il - 19 febbraio 2020 - 13:20

BELLAMONTE. Questa volta l’incidente è avvenuto nel comprensorio sciistico del Dolomiti Superski, a cavallo tra Val di Fassa e Fiemme, più precisamente nella ski area Alpe Lusia dove un 16enne è caduto sulle piste da sci dello snowpark.

 

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 12 di questa mattina, mercoledì 19 febbraio, da alcuni testimoni che hanno assistito alla caduta.

 

Secondo una prima ricostruzione il giovane stava scendendo dalla pista con lo snowboard quando, arrivato all’altezza del primo salto è scivolato sbattendo violentemente contro la neve.

 

Il ragazzo ha riportato vari traumi, soprattutto nella zona del bacino e nella parte dorsale, sul posto sono intervenuti i sanitari che lo hanno stabilizzato e imbarellato. Ai soccorritori il ragazzo è apparso cosciente benché dolorante.

 

In seconda battuta è intervenuto l’elisoccorso, atterrato vicino alle piste da sci per prelevare il ferito e trasportarlo d’urgenza all’ospedale Santa Chiara di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato